Un balzello del 2 per mille ogni anno, vale a dire 10 euro su investimento di 5mila. Che diventano però 100 se la tassa si spalma su un orizzonte, poniamo, di 10 anni. E’ una delle novità fiscali previste dalla prima bozza della legge di Bilancio, ancora in fase di limatura. Tra le entrate spunta infatti una “modifica alla disciplina in materia di imposta di bollo”, che impone alle compagnie assicurative di applicarla – nella misura appunto del 2 per mille – alle “comunicazioni alla clientela relative al valore delle polizze di assicurazioni rivalutabili di cui al ramo vita I“: si tratta di quelle a capitale garantito, tipici prodotti che si prestano a conservare risparmi in quanto non sono speculative e assicurano un rendimento minimo. E in quanto, finora, erano esenti dall’imposta di bollo.

Segue un comma che specifica come le comunicazioni ora tassate “si considerano in ogni caso inviate almeno una volta nel corso dell’anno, anche quando non sussiste un obbligo di invio o di redazione”. Così tutti saranno tenuti a pagare. Esclusa solo “la componente per la copertura del rischio di morte o di invalidità permanente da qualsiasi causa derivante”. Di fatto si tratta di una “minipatrimoniale“, commenta Il Sole 24 Ore, secondo cui il governo punta a incassare in questo modo quasi 200 milioni nel 2018 e 292 milioni l’anno dal 2019.

L’altra amara novità, stavolta per commercianti, artigiani e altri piccoli imprenditori, è il rinvio di un anno dell’Iri, l’imposta sostitutiva al 24% sul reddito per le ditte individuali e per le società di persona a contabilità ordinaria che la precedente manovra aveva introdotto a valere dal 2017, quindi sulle prossime dichiarazioni dei redditi. Peggio per chi si era regolato in previsione dell’entrata in vigore dell’agevolazione, che consente a imprenditori individuali, società in nome collettivo, società in accomandita semplice e srl a ristretta base proprietaria di non pagare l’Irpef sui proventi lasciati in azienda e destinati agli investimenti.

Nelle bozze successive a quella del 18 ottobre la misura è stata espunta.