Rosatellum bis? Ma che me ne frega a me, a me piace il Montepulciano d’Abruzzo. Ad alcuni grillini che conosco questa legge elettorale piace. Mi hanno detto: ‘Speriamo che si faccia, così mi metto al posto sicuro’. Amici miei, ogni mondo è paese”. Sono le parole pronunciate ai microfoni de La Zanzara (Radio24) dal senatore di Forza Italia, Antonio Razzi, che aggiunge: “Tutti si lamentano del Rosatellum e tutti lo vogliono. Tutti. E’ inutile che dicono cavolate. Mi hanno offerto un sacco di soldi per fare il Grande Fratello Vip. Se non fossi rieletto ci andrei, per divertirmi. Berlusconi? Non abbiamo ancora parlato della mia prossima candidatura alle elezioni politiche” – continua – “però lui ha detto tante volte che tutti quelli che sono rimasti fedeli saranno ‘rieletti’. Più fedele di me addo’ lo va a trovare? Gli ho detto che io mi metto pure sotto a nu treno per lui, gli ho detto che il cartellino è suo, come ne calcio. Ma scusate, è una vergogna che se ne vada uno che è nominato! Ce ne sarebbe più Berlusconi al mondo. Ma purtroppo ce n’è uno solo. E in Italia che ce l’ha molti parlano male di lui e questo non va bene”. Il parlamentare abruzzese spiega poi i motivi per cui è glabro (“le donne mi hanno tolti tutti i peli e questi non sono più cresciuti”) e alla domanda di Giuseppe Cruciani, che gli chiede se è disponibile a fare da mediatore per portare dal Brasile in Italia Cesare Battisti, risponde: “Ma che cazzo me ne frega a me di Battisti. E poi ho già parecchie cose da risolvere, specialmente con Trump e con gli amici della Corea

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni Sicilia, Crocetta rivendica l’accordo con Renzi: “Mi tocca un seggio alla Camera e un posto in segreteria”

prev
Articolo Successivo

Pd, Bersani: “Le separazioni sono un dramma. Mi spiace non aver festeggiato i dieci anni”

next