“La norma del Rosatellum, introdotta in Commissione, che permette a chi risiede in Italia di candidarsi all’estero è fatta per Denis Verdini“. Lo ha sostenuto in Aula Danilo Toninelli di M5s.
Secondo Toninelli, la norma sarebbe pro-Verdini perché il leader di Ala ha aiutato il governo nel voto sul Def il 4 ottobre scorso in Senato e perché avrebbe bisogno di immunità.  Contro Toninelli si scaglia Daniela Santanchè che in aula ha spiegato che “La norma che consente ai residenti in Italia di candidarsi nelle Circoscrizioni Estere “è per il ministro Alfano – e continua -. Colleghi di Cinque stelle studiate! L’emendamento non è per Denis Verdini ma per il ministro Alfano”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legge elettorale, affondo M5s sul salva-Verdini. Fraccaro: “In realtà hanno ammesso che serve ad Alfano”

prev
Articolo Successivo

Legge elettorale, Raggi super star al presidio M5S. Per lei applausi, selfie e un casco da pompiere

next