“La norma del Rosatellum, introdotta in Commissione, che permette a chi risiede in Italia di candidarsi all’estero è fatta per Denis Verdini“. Lo ha sostenuto in Aula Danilo Toninelli di M5s.
Secondo Toninelli, la norma sarebbe pro-Verdini perché il leader di Ala ha aiutato il governo nel voto sul Def il 4 ottobre scorso in Senato e perché avrebbe bisogno di immunità.  Contro Toninelli si scaglia Daniela Santanchè che in aula ha spiegato che “La norma che consente ai residenti in Italia di candidarsi nelle Circoscrizioni Estere “è per il ministro Alfano – e continua -. Colleghi di Cinque stelle studiate! L’emendamento non è per Denis Verdini ma per il ministro Alfano”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, affondo M5s sul salva-Verdini. Fraccaro: “In realtà hanno ammesso che serve ad Alfano”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Raggi super star al presidio M5S. Per lei applausi, selfie e un casco da pompiere

next