“La norma del Rosatellum, introdotta in Commissione, che permette a chi risiede in Italia di candidarsi all’estero è fatta per Denis Verdini“. Lo ha sostenuto in Aula Danilo Toninelli di M5s.
Secondo Toninelli, la norma sarebbe pro-Verdini perché il leader di Ala ha aiutato il governo nel voto sul Def il 4 ottobre scorso in Senato e perché avrebbe bisogno di immunità.  Contro Toninelli si scaglia Daniela Santanchè che in aula ha spiegato che “La norma che consente ai residenti in Italia di candidarsi nelle Circoscrizioni Estere “è per il ministro Alfano – e continua -. Colleghi di Cinque stelle studiate! L’emendamento non è per Denis Verdini ma per il ministro Alfano”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, affondo M5s sul salva-Verdini. Fraccaro: “In realtà hanno ammesso che serve ad Alfano”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Raggi super star al presidio M5S. Per lei applausi, selfie e un casco da pompiere

next