I bersaniani di Mdp, Sinistra Italiana, i civatiani di Possibile, Campo Progressista di Giuliano Pisapia e il Movimento 5 Stelle. La decisione del governo di porre la fiducia sul Rosatellum 2.0  riporta le opposizioni in piazza. Nel pomeriggio, alla notizia della decisione dell’esecutivo, a Montecitorio era scoppiata la bagarre con M5S e Mdp che gridavano “atto eversivo“, mentre Forza Italia e Lega hanno annunciato di non votare le 3 fiducie sugli articoli ma diranno poi sì al voto finale sulla legge, che sarà segreto. È in questo clima infuocato che i deputati grillini e bersaniani hanno annunciato una mobilitazione permanente nelle piazze, per tutti i tre giorni (cioè da domani e venerdì) che dovrebbero servire alla Camera per approvare la nuova legge elettorale.

Da domani, dunque, i partiti chiamano a raccolta i proprio elettori. “Siamo in piena emergenza democratica”, dice Luigi Di Maio, candidato premier del M5s che si ritroverà a piazza Montecitorio. “In piazza contro il colpo di Stato istituzionale”, incita Alessandro Di Battista che però, uscendo dalla Camera, sbaglia sit-in, arriva tra i sostenitori dell’ex generale Antonio Pappalardo e viene fischiato. “Mi raccomando – si rassicura poi Di Battista su facebook – il comportamento in piazza sia sempre consono ed intelligente. Dobbiamo essere tanti, venite tutti, anche senza bandiere, ma venite in piazza perché se siamo duemila è un conto se siamo 40mila un altro. Noi saremo in piazza e la possiamo fare crescere da domani fino a giovedì”. Davanti alla Camera con i pentastellati potrebbe esserci anche Beppe Grillo. La presenza del fondatore del Movimento non è, infatti “esclusa” da alcuni rappresentati del M5s, visto che Grillo era comunque atteso a Roma nei prossimi giorni, in vista dell’evento organizzato a Marino per la proclamazione del candidato governatore della Regione Lazio.

Chiamano gli elettori a raccolta per protestare contro il Rosatellum 2.0, anche i partiti a sinistra del Pd, che però si sono dati appuntamento davanti al Pantheon. “Stiamo ragionando assieme a tante forze di sinistra per manifestare domani al Pantheon, alle 17,30, contro questa decisione del governo di mettere la fiducia”, anticipava nel pomeriggio il deputato Arturo Scotto. Poco dopo è direttamente Pierluigi Bersani a confermare l’evento. “Domani ore 17 e 30 al Pantheon. Venite tutti e passate parola. #perlademocrazia”, ha scritto su twitter l’ex segretario del Pd. Insieme ai bersaniani ci saranno anche Sinistra Italiana, Possibile e Campo Progressista.

“Domani saremo in piazza per manifestare la nostra contrarietà alla decisione indecente di porre la fiducia su una legge elettorale che toglie sovranità ai cittadini. Il Pd e le destre non faranno scegliere agli elettori, grazie a un sistema doppiamente bloccato e, con perversa coerenza, iniziano dai parlamentari, a cui non è consentito esprimere liberamente il proprio voto. Contro lo sciopero della democrazia, per difendere la nostra Costituzione e le istituzioni repubblicane domani pomeriggio saremo in piazza”, dicono Nicola Fratoianni e Pippo Civati.  Annuncia l’adesione del suo movimento alla manifestazione pure Ciccio Ferrara, di Campo Progressista.”Coerentemente alle nostre posizioni espresse in Aula – sottolinea – domani saremo in Piazza contro quella che definiamo una forzatura istituzionale”

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Whistleblowing, commissione Affari Costituzionali del Senato approva il ddl

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Bersani: “Fiducia? Colpo alla democrazia”. Richetti (Pd): “Così evitiamo giochini M5S”

next