La pista della faida tra famiglie rom non era mai stata abbandonata dagli investigatori. E ha portato, a cinque mesi dall’incendio del camper a Centocelle in cui morirono tre sorelle di 4, 8 e 20 anni, all’arresto di due persone: Serif e Andrea Seferovic, fratelli, rispettivamente di 20 e 18 anni. I due sono stati rintracciati e fermati questa mattina a Torino. Ordinanze di custodia cautelare sono state disposte anche nei confronti di altri due soggetti, di cui uno minorenne, che però al momento si trovano all’estero.

Serif, il maggiore, con precedenti per reati contro il patrimonio, è stato fermato in un mercato dell’usato, dove aveva allestito un suo banco. È accusato di omicidio plurimo, tentato omicidio plurimo, detenzione, porto e utilizzo d’arma da guerra e incendio doloso. Il fratello, Andrea, dormiva invece all’interno del suo furgone a Moncalieri. Per lui l’unica accusa è quella di incendio doloso. Dopo i fatti i due fratelli si erano allontanati dall’Italia, rifugiandosi in Bosnia. In seguito sono rientrati e si sono stabiliti a Torino. Le indagini si sono basate soprattutto sulle testimonianze e sulle analisi delle telecamere di videosorveglianza.

I due sono esponenti della famiglia Seferovic: tra loro e gli Halilovic, la famiglia delle tre sorelle decedute, era da tempo in corso una guerra, nata per motivi economici. Tanto che gli Halilovic avevano deciso di abbandonare il campo rom di via Salviati, dove vivevano i Seferovic, per stabilirsi nel parcheggio del centro commerciale Primavera. Ma la faida era continuata: litigi, minacce, danneggiamenti, poi un primo rogo il 5 maggio scorso, quando i fratelli Seferovic hanno lanciato due ordigni incendiari contro il camper della nonna delle vittime, distruggendo il mezzo e altre auto vicine, ma non facendo nessuna vittima. Quindi ci hanno riprovato cinque giorni dopo con un secondo incendio, questa volta centrando l’obiettivo. La notte del 10 maggio nel camper degli Halilovic dormivano in tredici: la madre, il padre e gli undici figli. Secondo gli investigatori i fratelli Seferovic, insieme ad altre due persone, si sono recati al parcheggio del centro commerciale a bordo di un Fiat Ducato bianco, guidato dal maggiore, e hanno dato fuoco al mezzo della famiglia rivale. I genitori e otto tra i figli sono riusciti a salvarsi, mentre Elisabeth, Francesca e Angelica non ce l’hanno fatta e sono morte nell’incendio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, 17enne scompare dopo una lite davanti a un locale: ricoverato in prognosi riservata

prev
Articolo Successivo

Lara Comi, l’avvocato dello stalker dell’eurodeputata: “Le donne mi chiedono l’indirizzo del carcere”

next