Dalla sua morte nacque l’ultima legge, la più restrittiva, contro il caporalato. Ora la storia di Paola Clemente, la bracciante pugliese deceduta sotto il sole nei campi nell’estate 2015, è diventato un cortometraggio. “La giornata”, diretto da Pippo Mezzapesa e scritto da Antonella Gaeta, è stato voluto e prodotto dalla Cgil pugliese, che lo ha presentato alla Camera dei deputati lo scorso venerdì. 

I dialoghi del cortometraggio sono tratti dagli atti dell’inchiesta della procura di Trani che a febbraio portò all’arresto di 6 caporali e dalle testimonianze delle sue colleghe. Secondo i magistrati, le contadine sfruttate percepivano 30 euro al giorno per 12 ore di lavoro: dalle 3.30 del mattino, quando si ritrovavano per percorrere in furgone 300 chilometri ed essere portate nei campi, fino alle 15.30, quando ritornavano a casa dopo essere state al lavoro tra Taranto, Brindisi e Andria. Il loro compenso, in base ai contratti di lavoro, avrebbe dovuto essere di 86 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non è lavoro, è sfruttamento: proletari di tutto il mondo, svegliatevi!

next
Articolo Successivo

Donne e lavoro, il caso delle dimissioni: nel 2016 quasi 30mila hanno lasciato per difficoltà a conciliare occupazione e figli

next