Bagarre a L’Aria che Tira (La7) tra la deputata di Forza Italia, Daniela Santanchè, e il sociologo Francesco Caruso sulla percezione dilagante della paura in Italia e nel resto d’Europa. La conduttrice Myrta Merlino osserva che molta responsabilità è delle forze politiche soffiano sul fuoco. “No, per carità” – ironizza Caruso, indicando la parlamentare di Forza Italia – “Qui peraltro ne abbiamo un esempio estremo: una imprenditrice della paura. Va benissimo. Ci sono imprenditori della paura che fanno carriera sui giornali, altri che fanno carriera politica. E questo si riverserà contro di noi”. “Stavo parlando io, conosce l’educazione, visto che lei è un imprenditore?”, ribatte Santanchè. “No, no, io sono un professore universitario”, chiarisce l’ex antagonista No Global. “Ah, peggio mi sento pensando a quello che sta succedendo all’università” – commenta la deputata – “Che bei pasticci fate anche voi”. “No, i baroni” – ribatte Caruso – “Io guadagno 1412 euro al mese, quello che lei prende in un giorno“. “Certamente se li guadagno, non me li regalano. Comunque non li prendo dal pubblico”, obietta Santanchè. “Poi vediamo chi le regala i soldi, va’”, commenta Caruso. E si scatena la polemica. “Se ha qualcosa sa dire, lo dica adesso, visto che ha fatto un’affermazione molto grave” – protesta la parlamentare – “Lei parla e dice cazzate“. Dopo un fitto battibecco, l’ex deputato di Rifondazione Comunista accusa: “La sua società svolge servizi per nome e per conto di altre società. La committenza della sua società si chiama Mediaset“. “Io non lavoro per Mediaset” – controbatte Santanchè – “Non ho mai avuto un appalto per Mediaset”. Poi aggiunge: “Vorrei solo dire che sono molto felice per gli italiani che stanno mangiando e gli auguro buon appetito. Mi dispiace perché hanno sentito le cazzate che ha detto questa persona”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lino Banfi vs Raggi: “Roma? Ogni sindaco promette che farà di più. Di più ci sono solo i topi”

next
Articolo Successivo

Commissione banche, Giannini vs Malpezzi (Pd): “Non colpite banchieri che hanno lucrato e non dite la verità”

next