“La retorica delle riforme è stato il tentativo fraudolento di dirottare l’indignazione sulle istituzioni per liberarsi dalle responsabilità proprie e per dotarsi di regole costituzionali protettive che avrebbero reso ancora più difficile di quanto già sia il contrasto ai mali della nostra Repubblica”. A dirlo è il già presidente della Corte Costituzionale Gustavo Zagrebelsky nel corso del suo ricordo del giurista Stefano Rodotàscomparso tre mesi fa – in occasione di un convegno sul tema della legge elettorale dopo il voto del 4 dicembre 2016 a cui hanno preso parte, tra gli altri, anche i costituzionalisti Alessandro Pace e Massimo Villone. Stefano Rodotà “ha denunciato tutto questo. Ciò che gli ha impedito di assurgere a cariche più importanti è la sua indisponibilità a partecipare ai circoli di coloro che si autodefiniscono non moralisti ma realisti. Ricordiamo il nostro amico e ci doliamo della sua scomparsa e del vuoto che ha lasciato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mdp, Bersani a tutto campo: “Catalogna? Somma di errori. Referendum Lombardia e Veneto? E’ come votare Viva la mamma”

next
Articolo Successivo

Referendum Catalogna, le 29 ore di silenzio del governo e il mutismo di Renzi. Per l’Italia parla “solo” Mattarella

next