Esponenti di associazioni a tutela della famiglia e di Fratelli d’Italia da un lato, attivisti Lgbt dall’altro si sono fronteggiati a colpi di slogan, a distanza di pochi metri, al centro di piazza Trieste e Trento, a Napoli. Alla base del confronto il bus delle libertà, la manifestazione no gender promossa dalle associazioni per la famiglia a cui il Comune di Napoli ha revocato il permesso. Un gruppo di attivisti Lgbt ha contestato l’arrivo del pullman in piazza chiedendo a gran voce che andasse via. Sono partiti alcuni slogan da una parte e dall’altra ma, al di là di qualche momento di tensione, tutto si è svolto in maniera ordinata e sotto il controllo delle forze dell’ordine. Il pullman, dopo aver sostato un quarto d’ora, ha lasciato la piazza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

G7 di Torino, al corteo degli studenti tra un coro e uno striscione spunta l’uomo nudo sul balcone

prev
Articolo Successivo

Milano, il “maniaco dell’ascensore”: “Pensavo di esserne uscito, curatemi”. Una 13enne è la sua ultima vittima

next