Esponenti di associazioni a tutela della famiglia e di Fratelli d’Italia da un lato, attivisti Lgbt dall’altro si sono fronteggiati a colpi di slogan, a distanza di pochi metri, al centro di piazza Trieste e Trento, a Napoli. Alla base del confronto il bus delle libertà, la manifestazione no gender promossa dalle associazioni per la famiglia a cui il Comune di Napoli ha revocato il permesso. Un gruppo di attivisti Lgbt ha contestato l’arrivo del pullman in piazza chiedendo a gran voce che andasse via. Sono partiti alcuni slogan da una parte e dall’altra ma, al di là di qualche momento di tensione, tutto si è svolto in maniera ordinata e sotto il controllo delle forze dell’ordine. Il pullman, dopo aver sostato un quarto d’ora, ha lasciato la piazza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

G7 di Torino, al corteo degli studenti tra un coro e uno striscione spunta l’uomo nudo sul balcone

next
Articolo Successivo

Milano, il “maniaco dell’ascensore”: “Pensavo di esserne uscito, curatemi”. Una 13enne è la sua ultima vittima

next