“Prima di iniziare questa vita vagabonda avevo 27 anni, vivevo in un paese della provincia di Venezia, lavoravo come dipendente e la ragazza che amavo da una vita si era appena sposata. Mi sentivo in gabbia. Avevo un amico che come me voleva scappare dalla routine e un giorno, seduti al tavolo della cucina di casa mia, guardammo la piantina del mondo appesa al muro e puntammo il dito a caso. Si fermò sull’Australia. Quando andai dal dirigente del mio ufficio e gli dissi che me ne sarei andato, lui mi chiese se volevo un aumento. «No – gli risposi – voglio viaggiare»”.

Così Luca De Giglio, noto sul web come TripLuca, ha deciso di dedicare la sua vita al viaggio e di esplorare in lungo e in largo il pianeta per relativizzare la sua educazione, la sua morale e la sua cultura, attraverso un confronto incessante con il maggior numero possibile di esperienze oltre l’abitudinario, il consueto e il famigliare.

“Il viaggio è stato per me l’unico modo per avere idee. Vivere in viaggio era come vivere nel futuro, le idee mi venivano quasi regalate dal fatto di trovarmi in realtà nuove e dopo il primo anno, non avendo più soldi e l’esigenza forte di non tornare a essere risucchiato nel lavoro dipendente, mi ha costretto a essere creativo per ottenere risultati”. Alcuni la considerano una questione di coraggio e temerarietà, altri d’incoscienza; per altri ancora, invece, viaggiare (o “migrare”) dipende esclusivamente da un’assoluta mancanza di alternativa. In ogni caso, per quanto più o meno consapevole e per quanto scelto più o meno liberamente, qualsiasi viaggio non può che allontanarci da certezze consolidate e avvicinarci a incertezze travolgenti, obbligandoci a misurarci con la possibilità di trasformare significativamente il senso del nostro agire e del nostro pensare.

In questo episodio di Creativi di Fatto, insieme a Luca TripLuca De Giglio scopriamo in cosa consiste la dimensione del viaggio scelto come dimensione totalizzante di vita e in che modo la creatività può rivelarsi una compagna essenziale per affrontare le innumerevoli prove e sfide del viaggiare.

L’immagine in evidenza è tratta dalla pagina Facebook di Tripluca

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dr. Dalai Lama, psicologo in Pisa

prev
Articolo Successivo

Dal cammino di Santiago alla Francigena, i 31 itinerari d’Europa. “Effetto domino per spingere a viaggiare”

next