Il Ceta si arena in Italia. L’esame in Senato della ratifica del trattato di libero scambio firmato dall’Unione Europea e dal Canada “slitta sine die“, dunque a data da destinarsi. A renderlo noto, al termine della conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama, è la presidente del gruppo Misto Loredana De Petris. “La proposta di Sinistra italiana di farlo slittare – ha spiegato la senatrice – è stata accolta anche dagli altri gruppi e di questo siamo molto soddisfatti”. Solo una settimana fa, il 21 settembre, è partita la fase di applicazione provvisoria del Comprehensive Economic and Trade Agreement, l’accordo commerciale tra Bruxelles e Toronto già approvato dal Parlamento europeo.

Con il Ceta, secondo il ministero dello Sviluppo, “verrà abolito il 99% delle tariffe doganali canadesi con picchi in alcuni dei settori di punta del nostro export”, verranno “rimosse alcune importanti barriere non tariffarie e garantita l’apertura del mercato degli appalti pubblici alle aziende europee”. Oltre “il riconoscimento di 171 indicazioni geografiche europee (di cui 41 italiane)”. Ma i critici sottolineano i rischi legati all’arrivo sulle nostre tavole di prodotti agricoli trattati con additivi chimici, ogm, carne agli ormoni. “Al contrario di altri Paesi europei come il Belgio o la Francia, l’Italia non sta facendo nulla per opporsi a questo percorso pur essendo tra quelli che hanno più da perdere”, aveva detto Federica Ferrario, responsabile della campagna Agricoltura sostenibile e Progetti speciali di Greenpeace Italia, al fattoquotidiano.it.

“L’accordo con il Canada – assicurava invece il ministro dell sviluppo economico Carlo Calenda il giorno dell’entrata in vigore provvisoria – non mette in alcun modo in pericolo gli alti standard sanitari, ambientali e sociali la cui tutela è una nostra priorità a difesa dei cittadini europei. Diverso è invocare questi standard come un alibi per nascondere ingiustificate spinte protezionistiche, pericolose per un paese come l’Italia che vive di esportazioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ryanair, tagliate altre 34 tratte aeree fino a marzo: “Coinvolti 400mila passeggeri”. E annuncia che non comprerà Alitalia

next
Articolo Successivo

Emergenza rifiuti, Cassazione dà ragione a un hotel di Napoli: “Tarsu va ridotta del 40% per chi subisce disservizio grave”

next