L’accusa è quella di peculato: hanno speso fondi pubblici per fini privati. Per questo sono stati rinviati a giudizio 13 assessori ed ex consiglieri regionali della Liguria, in carica nella legislatura 2005-2010. Tra questi c’è anche l’attuale presidente del Consiglio regionale, Francesco Bruzzone, Lega Nord. L’accusa arriva nell’ambito di una delle inchieste sulle spese pazze in Regione Liguria.

A emettere la misura è stato il gup Nadia Magrini. Tra gli ex politici coinvolti, appartenenti a diversi schieramenti politici, ci sono Sandro Biasotti (Fi), Tirreno Bianchi (Pdci), Rosario Monteleone (Udc) e Fabio Broglia (Italia di mezzo). Il processo comincerà a gennaio dell’anno prossimo.

La stessa accusa è stata notificata a 3 consiglieri della Regione Sardegna, tutti e 3 di Forza Italia, finiti nell’inchiesta per il presunto uso illecito dei fondi destinati ai gruppi della legislatura 2004-2009. Il gup del Tribunale di Cagliari, Gabriella Muscas, ha rinviato a giudizio l’ex assessore e attuale consigliere Mariano Contu, l’ex presidente del Consiglio dal 2009 al 2014 Claudia Lombardo e l’ex consigliere ed ex senatore Fedele Sanciu. Dichiarato prescritto, invece, il presunto peculato nei confronti degli ex assessori e consiglieri Nicolò Rassu (Fi) e Sergio Milia (Udc), a cui venivano contestate spese rispettivamente per 5mila e 4mila euro.

A Lombardo viene chiesto conto di 1.500 euro di spese, mentre a Sanciu venivano contestati inizialmente 6mila euro, ma con la prescrizione di uno dei due peculati la contestazione è scesa 3mila euro. Per Contu, all’epoca capogruppo e tesoriere, si parla invece di una somma complessiva di 1,6 milioni di euro. Anche per loro il processo comincerà a gennaio 2018, anche se per allora, almeno per quanto riguarda l’ex presidente del Consiglio regionale sardo, il reato potrebbe essere già prescritto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università, concorsi truccati – “Se fai ricorso ti giochi la carriera”. La “logica di scambio” dei professori indagati

next
Articolo Successivo

Marlane, tutti gli imputati assolti anche in appello. Tra loro anche Pietro Marzotto

next