“Se non arriviamo al 51% c’è il rischio che anche arrivando primi il governo poi lo facciano Pd e Forza Italia”. A Rimini, mentre volge al termine ‘Italia 5 Stelle‘ che ha visto la proclamazione di Luigi Di Maio a candidato premier, sono pochi quelli convinti che i numeri (necessari per ottenere la fiducia in Parlamento) non siano un’opinione. Nello scenario più probabile attualmente – stando ai sondaggi che danno i pentastellati tra al 28% – il M5S può arrivare primo alle prossime elezioni politiche, ma rischia comunque di non avere i numeri per formare un governo. Quindi come riuscirà M5S a spuntarla “dialogando con tutti” come Di Maio ha annunciato nel corso della kermesse pentastellata? Attivisti e simpatizzanti preferiscono esprimersi su alcuni nomi che vorrebbero vedere inseriti nella lista di ministri che il candidato premier presenterà prima delle elezioni e che – ha promesso – sarà “una squadra di governo di cui essere orgogliosi le migliori competenze del Paese”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto, il governo impugna la legge che impone la bandiera di San Marco negli edifici pubblici: “È incostituzionale”

next
Articolo Successivo

Italia 5 stelle, le istantanee di una svolta. Il battesimo di Di Maio, Grillo che canta (e basta) e Casaleggio regista

next