Ieri sera a Nichelino, comune dell’hinterland torinese, alcuni esponenti di ultradestra hanno provato a interrompere l’esecuzione di “Bella Ciao” cantata dal Coromoro, un coro composto da rifugiati, a cui ilfattoquotidiano.it ha dedicato un servizio nel dicembre 2016. Ma un gruppo di attivisti antifascisti si è opposto alla contestazione e il coro ha potuto concludere il brano. “Quello che fa male – spiega Luca Baraldo, il fondatore del Coromoro – è vedere che questa canzona fa ancora paura e dà ancora fastidio”. 

Una settimana fa il Coromoro aveva rinunciato ad esibirsi alla sagra di Carmagnola, sempre nel torinese, dopo che il vice sindaco aveva chiesto di non eseguire il brano simbolo della Resistenza. “Stiamo vivendo un momento che speravo di non rivedere mai più dove qualcuno si permette di dire tu quella canzone la puoi cantare e quella no con quella supponenza tipica dei regimi” conclude Baraldo che ieri sera, grazie all’invito dell’amministrazione di Nichelino, è riuscito insieme ai ragazzi del Coro ha eseguire “Bella Ciao” nonostante il tentativo di interruzione.

In un primo momento l’azione, compiuta da un gruppo di esponenti di ultradestra, era stata erroneamente attribuita a Casapound. Il partito si è invece rivelato estraneo all’accaduto. Ce ne scusiamo con i lettori e con Casapound Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emanuela Orlandi, “spesi dalla Santa Sede 483 milioni di lire”. L’enigma del dossier che circola in Vaticano

next
Articolo Successivo

Migranti, mezzo dietrofront del sindaco di Lampedusa: “Situazione tranquilla ma i tunisini hanno atteggiamento di sfida”

next