In attesa della lista ufficiale dei candidati M5s alla presidenza del Consiglio che si sfideranno alle primarie in rete, spunta su Youtube il video di Gianmarco Novi. Ex consigliere grillino a Monza, classe 1977, ha pubblicato il suo messaggio con cui annuncia la candidatura che però non è ancora stata ufficializzata dal blog di Beppe Grillo. “Sono un’attivista della prima ora”, dice Novi nella sua presentazione. “Ho deciso di candidarmi perché come voi sento il disagio di vivere in uno Stato che non mi rappresenta più, dove si sono susseguiti governi illegittimi che ci hanno sempre di più reso sudditi. Ritengo il Movimento 5 stelle l’unica forza in grado di cambiare questa situazione”. Quindi spiega quali sono le sue priorità di intervento: “Il mio impegno sarà quello di realizzare tutti i punti del programma del Movimento 5 stelle che sono stati realizzati grazie alla piattaforma Rousseau. Mi impegno a portare all’attenzione del governo e del Parlamento il tema di una moneta di proprietà dello Stato e dei cittadini. Quindi non più lo Stato italiano che si indebita con banche private, ma una banca di Stato di proprietà dei cittadini che mette la moneta necessaria all’espletamento di queste funzioni”. Poi i referendum legislativi. “In questo modo si dà la possibilità ai cittadini di vedere realizzate le leggi che vogliono”. Oltre il quorum, “che è un incentivo alla non partecipazione”. Poi Novi si impegna alla tutela della Costituzione italiana. Infine “l’antispecismo“: “Ad oggi abbiamo una visione antropocentrica della società: per quelle che sono le necessità dell’uomo ci permettiamo di infliggere sofferenze e ingiustizie verso gli altri essere viventi. Questo non ci permette di essere una comunità coesa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondaggi Sicilia, Piepoli: “Centrodestra in testa, Micari (Pd e Ap) all’8%. Fava e Cancelleri (M5s) al 25%”

prev
Articolo Successivo

M5s, Lombardi: “Di Maio unico big in corsa alle primarie? Non è un problema, l’importante è il progetto”

next