Bloccato all’aeroporto del Cairo mentre andava a Ginevra per intervenire a un’assemblea delle Nazioni Unite per parlare di diritti umani. Non si hanno più notizie dal 10 settembre di uno degli avvocati egiziani della famiglia Regeni Ibrahim Metwaly. Dalle prima informazioni sembra che sia stato fermato proprio mentre stava per imbarcarsi sull’aereo diretto in Svizzera.

Solo il 5 settembre scorso, il sito web della Egyptian commission for rights and freedom, l‘organizzazione che rappresenta legalmente la famiglia del ricercatore, è stato oscurato. “Il regime sta iniziando la vendetta contro di noi”, aveva detto a ilfattoquotidiano.it il presidente Ahmed Abdallah. Lunedì scorso, il ministro degli Esteri Angelino Alfano aveva annunciato davanti alle commissioni degli Esteri riunite di Camera e Senato il ritorno dell’ambasciatore italiano al Cairo. “L’Egitto è un partner ineludibile”, si era giustificato.

Il 12 settembre il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, sarà ascoltato alle 15 in audizione al Copasir. Il premier, che ha mantenuto per sé la delega all’intelligence, riferirà su tutti aspetti che riguardano le minacce alla sicurezza nazionale e l’organizzazione dei servizi e, nel corso dell’audizione, il deputato grillino Angelo Tofalo ha annunciato che chiederà chiarimenti sulla vicenda Regeni e sugli accordi con la Libia che hanno determinato un netto freno ai flussi migratori. “Sarà”, ha scritto Tofalo su Facebook, “l’ultimissima possibilità per raccontare la verità sull’atroce morte di Giulio Regeni e cosa il nostro Governo realmente sapeva fin da quel primo tragico giorno del ritrovamento del corpo di Giulio e forse anche prima. Risposte chiare bisognerà darle anche e soprattutto sul fronte Libia dopo la relazione dell’Associated Press relativa agli accordi italiani con contrabbandieri e trafficanti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corea del Nord, il consiglio Onu discute le nuove sanzioni. Pyongyang: “Usa pagheranno le peggiori sofferenze”

prev
Articolo Successivo

Francoforte, 6 persone intossicate da gas irritante all’aeroporto. Allarme rientrato

next