Ci sarebbe un oscuro retroscena, forse la mano della criminalità organizzata, dietro l’incendio del campo rom di Scampia che lo scorso 27 agosto. lo ha praticamente raso al suolo. Stando alle dichiarazioni rubate a due persone che abitavano in quel campo, qualcuno da molto tempo avrebbe chiesto loro di incendiare rifiuti di vario genere, anche tossici. E quando i rom tentavano di ribellarsi queste persone le minacciavano di dar fuoco all’intero campo. Poi qualcosa è cambiato: la comunità avrebbe iniziato a collaborare con le istituzioni fornendo loro le prove degli sversamenti. Ma da quel momento è iniziato l’inferno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Si dimentica il casco: baby ladro incastrato incastrato dalle telecamere dopo il furto dello scooter

prev
Articolo Successivo

Firenze, due studentesse Usa denunciano due carabinieri: “Ci hanno violentate”

next