Potrebbe sembrare una buona notizia, ma non lo è. A causa dei cambiamenti climatici un terzo dei parassiti del globo potrebbe estinguersi ben prima della fine del secolo, entro poco più di 50 anni. Nonostante la cattiva reputazione di pulci, pidocchi, zecche e tenie, la perdita di queste specie potrebbe irrimediabilmente danneggiare gli ecosistemi naturali come suggerisce un’analisi dell’Istituto Smithsonian pubblicata sulla rivista Science Advances.

Gli organismi parassiti, spiegano i ricercatori, hanno cicli di vita molto complessi che implicano il bisogno di più specie “ospiti” su cui proliferare. Ecco perché normalmente la loro diversità viene considerata un segno di ecosistemi in salute, nonostante il rapporto con l’uomo non sia sempre dei migliori. Per studiare l’impatto dei cambiamenti climatici sui parassiti, argomento ancora poco esplorato, gli scienziati hanno sfruttato l’immenso catalogo di specie del Museo di Storia Naturale dello Smithsonian e la raccolta di dati sulla distribuzione geografica di pulci, zecche, pidocchi e altre milioni di organismi simili. Dall’analisi effettuata è emerso che nel peggiore scenario possibile, dal punto di vista climatico, oltre un terzo delle specie si estinguerà entro il 2070. Il modello più ottimistico prevede comunque una perdita del 10% dei parassiti nello stesso arco temporale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Intelligenza artificiale, non solo parole: un bot di Facebook ha imparato a sorridere e fare il broncio

next
Articolo Successivo

Tumori, “penna” li identifica in 10 secondi. Nel 2018 i test sull’uomo

next