“L’Egitto è un partner ineludibile dell’Italia, allo stesso modo come l’Italia è imprescindibile per il Cairo. Ma questo rapporto non sarà mai un impedimento alla ricerca delle verità sull’omicidio di Giulio Regeni“. Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano, di fronte alle commissioni riunite di Camera e Senato a Montecitorio, ha motivato la decisione di rimandare l’ambasciatore al Cairo Giampaolo Cantini, nonostante i risultati insoddisfacenti delle indagini sulla morte del ricercatore torturato e ucciso nella capitale egiziana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni, Alfano: “Egitto partner ineludibile dell’Italia”. Zitto su “prove” del New York Times: “Già chiarito”

next
Articolo Successivo

Caso Regeni, Di Battista (M5s) contro Casini e Cicchitto: “Vergogna”. La replica: “Non ci intimorisce”

next