“L’Egitto è un partner ineludibile dell’Italia, allo stesso modo come l’Italia è imprescindibile per il Cairo. Ma questo rapporto non sarà mai un impedimento alla ricerca delle verità sull’omicidio di Giulio Regeni“. Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano, di fronte alle commissioni riunite di Camera e Senato a Montecitorio, ha motivato la decisione di rimandare l’ambasciatore al Cairo Giampaolo Cantini, nonostante i risultati insoddisfacenti delle indagini sulla morte del ricercatore torturato e ucciso nella capitale egiziana.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giulio Regeni, Alfano: “Egitto partner ineludibile dell’Italia”. Zitto su “prove” del New York Times: “Già chiarito”

next
Articolo Successivo

Caso Regeni, Di Battista (M5s) contro Casini e Cicchitto: “Vergogna”. La replica: “Non ci intimorisce”

next