Minacciavano le loro ex compagne e le pedinavano. Uno dei due era arrivato a lasciare messaggi minatori sulla tomba del padre di lei. Le avevano di fatto costrette a cambiare le loro abitudini di vita. Due storie di stalking arrivano da Agrigento e Bari, dove carabinieri e polizia hanno arrestato i due uomini per atti persecutori.

In Sicilia, un uomo di 40 anni era arrivato a dire alla sua ex: “Tu qui a Realmonte hai finito di venire, te lo garantisco io. Appena tu vieni la ‘piangi’ pure, capito? Tu la piangi di brutto perché ti metto sulla sedia a rotelle“. Le indagini, andate avanti due mesi, hanno permesso di accertare come l’uomo da tempo, spiegano gli investigatori, esercitava “una pressante azione di controllo” con continui passaggi a bordo della propria auto nei pressi dell’abitazione della vittima, continui appostamenti, pedinamenti, minacce di morte e vere e proprie aggressioni.

Una storia simile a quella ricostruita dalla polizia di Bari, dove un giovane di 22 anni pedinava dal 2015 i luoghi frequentati da una sua ex. Il presunto stalker lasciava manoscritti con frasi minatorie a sfondo sessuale sul parabrezza dell’auto, nella cassetta della posta, sulla porta d’ingresso, nel box auto, in ufficio e persino sulla tomba del padre defunto. Fino a quando l’altro giorno gli agenti non sono intervenuti nel quartiere Japigia bloccando il giovane.

La donna aveva trovato lo stalker accovacciato dietro la sua auto in attesa del suo arrivo e, spaventata, ha chiesto aiuto al 113. I poliziotti hanno rintracciato il giovane ancora fra le auto in sosta, mentre era intento a scrivere su un quaderno un altro messaggio diretto alla vittima. Sullo stesso quaderno erano stati scritti altri cinque messaggi sempre con la stessa destinataria e con lo stesso tenore ingiurioso e a sfondo sessuale. La vittima aveva già formalizzato una denuncia per lo stesso reato e che a causa degli atti persecutori subiti nel tempo era stata costretta a modificare le sue abitudini di vita, ormai preoccupata per la propria incolumità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spese pazze Liguria, gli ex consiglieri Udc non dovranno risarcire 42mila euro di soldi pubblici: richiesta prescritta

next
Articolo Successivo

Borghezio diffamò Kyenge, le motivazioni della sentenza: “Frasi basate sull’idea razzista dell’inferiorità della sua cultura”

next