“Quando hanno occupato, i frati un po’ si sono spaventati”. Fra’ Agnello Stoia e il suo saio grigio accolgono tutti con un sorriso e con un piglio deciso, qui alla Basilica dei Santi XII Apostoli a Roma. Da ormai 22 giorni un centinaio di persone, ovvero una sessantina di nuclei famigliari, sgomberato alcune settimane fa da Quintavalle vive e dorme qui, nelle tende al riparo del portico quattrocentesco della chiesa. “Abbiamo trovato immediatamente un equilibrio, e i nostri rapporti sono ottimi”, dice ripercorrendo la cronaca con ilfattoquotidiano,it. “Loro mi stanno imparando a conoscere e io sto imparando i nomi di bimbi e adulti. È una terra di mezzo che accoglie”. Non tutta la Chiesa lo fa. “La testa della Chiesa è Gesù Cristo, il corpo siamo noi uomini. Con la nostra eccellenza o povertà. Siamo umani, e probabilmente Lui ci ama proprio così”.  Cosa chiede alla sindaca Virginia Raggi un frate francescano? “Chiedo alle istituzioni di essere presenti in questa situazione”. La pace “è un prodotto artigianale, dice Papa Francesco. C’è bisogno di pazienza e di dialogo e noi frati siamo lo spazio di incontro tra le parti”. Accogliere gli sgomberati “è come accogliere Gesù, Giuseppe e Maria”. E in più, qui, al centro di Roma, in mezzo ai palazzi del potere, “accende i riflettori su un problema reale della città: quello dell’emergenza abitativa“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parma, lite tra conducente bus e giovani africani. L’autista: “Minacciata mia famiglia”, i ragazzi: “Ci voleva investire”

prev
Articolo Successivo

Milano, la donna violentata a Parco Nord parla: “Era uno straniero, non so se lo riconoscerei”. Polizia: “Servirà tempo”

next