Voleva per forza il certificato di buona salute da parte delle persone provenienti dall’area africana, altrimenti avrebbe negato la dimora nel suo Comune, Carcare, in provincia di Savona. E il tribunale di Genova, per questo, lo ha condannato. Per il giudice, Franco Bologna, sindaco del borgo ligure, ha “discriminato” ed è stato “razzista”.

Il primo cittadino – eletto con il centrodestra – firmò un’ordinanza con la quale vietava la “dimora, anche occasionale, di persone provenienti da paesi dell’area africana o asiatica presso qualsiasi struttura di accoglienza, prive di regolare certificato sanitario attestante le condizioni sanitarie e l’idoneità a soggiornare”.

L’ordinanza – poi ritirata a fine luglio – era nata in seguito all’arrivo di 50 migranti, sistemati in 12 appartamenti situati sopra una galleria commerciale e a poca distanza dall’asilo nido. Il primo cittadino, ancora a febbraio, rivendicava la sua decisione: “È un modo per capire chi vive nel territorio comunale e per tutelare la salute dei cittadini”. Ma per la procura sarebbe mancata la condizione di pericolo per contaminazioni e il tribunale ha di fatto dato ragione al magistrato. Il sindaco di Carcare ha già annunciato che farà ricorso.

Per il consigliere regionale di Forza Italia Angelo Vaccarezza si tratta di “una condanna inaccettabile” perché quello di Bologna non sarebbe “né razzismo né discriminazione, ma buon senso”: “Sapere per tempo se gli ospiti di una struttura sono affetti da qualche patologia, se necessitano di cure e quindi attivare per tempo profilassi e cure sanitarie non mi pare un provvedimento così assurdo – spiega – gli amministratori devono pensare al bene della comunità che li ha scelti e questo passa anche attraverso la profilassi sanitaria per i migranti, che va a tutela di tutti, anche dei nuovi arrivati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rimini, quando allo stupro del corpo si aggiunge quello dell’identità

prev
Articolo Successivo

Assistenza sessuale per disabili, al via il primo corso: “Vi spiego perché voglio diventare operatore all’affettività”

next