“La calma presenza delle piante contro l’istinto di morte di queste belve umane”. L’idea è stata lanciata dall’architetto Stefano Boeri su Facebook: al posto delle barriere di cemento che “snaturano gli spazi più vitali e aperti delle nostre città” ci vorrebbero le grandi querce. “Un albero, diversamente da un new jersey, non solo ci protegge, ma ci fa ombra, assorbe con le foglie i veleni dell’aria urbana, ospita la vita degli e degli uccelli – ha spiegato l’autore di Bosco Verticale a Milano – In una parola, accoglie e protegge quella vita che i terroristi vogliono annientare”.

Decaro: “Non aggredire col cemento la nostra bellezza”
L’idea di Boeri è stata apprezzata dal sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Antonio Decaro, nei giorni in cui – dopo l’attentato di Barcellona – le città italiane stanno rinforzando le misure di sicurezza, piazzando blocchi di cemento e fioriere davanti alle vie di accesso dei luoghi più sensibili. Non senza polemiche per l’impatto visivo. “Sarebbe un’ottima idea immaginare blocchi colorati o decorati con del verde, che alle città fa sempre bene, ovviamente garantendo la loro funzionalità dissuasiva. Si tratta di un compito urgente – sottolinea il primo cittadino di Bari – che sono certo vedrà un contributo significativo di architetti, esperti di design ed imprese. Vorrei solo che la bellezza delle nostre città non venga aggredita dai blocchi di cemento“.

Milano: blocchi di cemento in Galleria e Darsena
Una delle città maggiormente interessate dalle nuove disposizioni per la sicurezza è Milano. Dopo le barriere già sistemate in piazza Duomo dopo l’attacco di Berlino, adesso è toccato alla Galleria Vittorio Emanuele, ‘salotto’ della città, e alla Darsena, uno dei luoghi più frequentati durante la movida notturna. Aree pedonali che finora non erano state comprese tra quelle da proteggere con i blocchi di cemento. Martedì mattina è stata completata la posa di blocchi di cemento nei tre accessi alla Darsena, in viale Gorizia, Piazzale Cantore e piazza XXIV Maggio, che precedono quelli previsti per proteggere le due alzaie dei Navigli. E nei prossimi giorni, i new jersey potrebbero comparire anche in via Montenapoleone e alle Colonne di San Lorenzo. Con polemiche a seguire per il lato estetico della vicenda.

Cemento anche a Venezia e Genova
Con l’allerta terrorismo salita ai massimi livelli dopo le nuove minacce dell’Isis all’Italia, per la Mostra del Cinema di Venezia, che si apre il 30 agosto, è stato approntato un piano sicurezza eccezionale. Al Lido ci saranno tiratori scelti, agenti in borghese dotati di monitor portatili, metal detector ai varchi della ‘zona rossa’ e blocco del traffico automobilistico con barriere jersey di cemento armato. Undici ‘zone rosse’ sono state individuate anche a Genova dal vertice del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza. Piazze e vie principali del capoluogo ligure, oltre ad alcune delle zone più frequentate del Ponente saranno protette dalle nuove barriere. E al momento si parla solo di un “tentativo” di sostituire i classici jersey con meccanismi più eleganti ma ugualmente protettivi, come cubi, grosse fioriere o sistemi a scomparsa, compatibili con il decoro delle aree urbane.

A Pisa (forse) jersey colorati e catarifrangenti
A Pisa, invece, non ci hanno pensato due volte: sono già stati piazzati 30 nuovi new jersey in cemento a protezione dei punti d’accesso alle principali strade pedonalizzate del centro storico e in prossimità della piazza dei Miracoli, in aggiunta a quelle che già erano state posizionate nei mesi scorsi nei pressi del complesso monumentale. Solo più in là, si provvederà “alla tinteggiatura e all’apposizione di catarifrangenti” e si penserà alla sostituzione “con idonee fioriere di peso e struttura adeguati che tengano conto, per quanto possibile, dell’ambiente storico-turistico dove vanno collocate”.

Verde a Napoli e Firenze, graffiti a Palermo
Pesanti fioriere sono già comparse, invece, in via Toledo a Napoli e vanno ad aggiungersi a quelle presenti sul lungomare e in piazza del Plebiscito. Mentre il sindaco di Palermo Leoluca Orlando vorrebbe “piante e graffiti” sulle barriere antisfondamento: “Inviteremo i creativi, i writer e tutti coloro che vorranno contribuire, a proporre idee per aggiungere un tocco di colore con piante o decorazioni a questi blocchi di cemento”. Al lavoro per trovare “strumentazioni coerenti coi nostri obiettivi di bellezza” anche il Comune di Firenze: “Più che jersey, useremo fioriere o simili”, ha annunciato l’assessore alla sicurezza urbana Federico Gianassi. “Non cambieremo il volto della città – ha aggiunto – Le dotazioni saranno realizzate rispondendo ai canoni estetici cittadini”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto a Ischia: 2 donne morte. Salvo bimbo di 7 mesi, i fratelli estratti vivi dopo oltre 16 ore (foto e video)

next
Articolo Successivo

Sardegna, lettera con due cartucce da fucile recapitata al governatore Pigliaru

next