All’indomani della strage sulla Rambla, avevano annunciato online la morte di Bruno Gulotta, 35enne di Legnano falciato sotto gli occhi dei figli e della moglie. E ora i colleghi della testata informatica Tom’s Hardware hanno deciso di aprire un account su Paypal per aiutare economicamente la sua famiglia. “Martina e i suoi due figli, piccolissimi, devono affrontare una perdita indescrivibile – si legge online -. Forse non possiamo aiutarli ad affrontare il dolore, ma possiamo e vogliamo aiutarli a rendere un po’ meno pesante questo tremendo fardello. E chiediamo a tutti voi di aiutarci ad aiutarli”.

Il denaro, quindi, “servirà a Martina e ai bambini per ripartire e incamminarsi su una strada che, temiamo, non potrà che essere una lunga e faticosa salita. Cercheremo di essere accanto a loro in ogni modo, e crediamo che questo sia uno dei modi migliori e più concreti di farlo. Il conto – prosegue il post – può ricevere donazioni di ogni entità, e ogni centesimo conta. Siamo certi che alcuni vorranno ma si vedranno nell’impossibilità di farlo, e che tanti altri mostreranno più generosità di quanto sarebbe lecito aspettarsi. Ancora prima di cominciare vi ringraziamo tutti con tutto l’affetto di cui siamo capaci”. Il conto è a nome di Roberto Buonanno, country manager Tom’s Hardware, perché è stato lui a creare l’account “usando i suoi dati già registrati presso il servizio. Abbiamo ritenuto che non ci fosse tempo per fare diversamente, né ci è sembrato adeguato disturbare i famigliari di Bruno con sollecitazioni del tutto inopportune”.

E a poche ore dall’avvio della raccolta fondi, sono già in tanti ad avere contribuito. “Stiamo ricevendo una risposta straordinaria, con donazioni anche importanti che arrivano da tutto il mondo – spiega a ilfattoquotidiano.it Pino Bruno, direttore della testata Tom’s Hardware -. Renderemo pubblica la rendicontazione, per gestire tutto con la massima trasparenza”. Buonanno precisa che al momento non è prevista una data di chiusura dell’iniziativa anche se, indicativamente, potrebbe essere per metà settembre. “Ne discuterò con Martina, che tornerà nei prossimi giorni da Barcellona. Da lunedì vogliamo creare una pagina più strutturata per le donazioni, pensiamo a iniziative con youtubers e webstars a complemento dell’attività benefica e a raggiungere le aziende del settore per invitarle a partecipare. Chiaramente se il flusso della raccolta continua, andiamo avanti”. Al centro, come scritto sul sito, l’aiuto alla moglie e ai figli di Bruno. “Martina ha una bimba di un anno. L’aiuto economico che vogliamo dare è anche per consentire che la bimba possa rimanere più a lungo con la mamma, senza preoccupazioni“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, espulsi due marocchini e un siriano per motivi di sicurezza. Viminale: “Avevano festeggiato dopo gli attentati”

next
Articolo Successivo

Sicurezza, nuove barriere in Galleria a Milano: “Ipotesi Darsena e Navigli”. Misure rafforzate a Roma e Napoli

next