Torre del Mangia invasa dalle fiamme. A poche ore dal Palio dell’Assunta e mentre erano ancora in corso i festeggiamenti della contrada vincitrice, quella dell’Onda, la torre civica del Palazzo comunale in piazza del Campo a Siena è stata interessata da un incendio divampato dalla sua sommità. Immediato l’intervento dei vigili del fuoco che, pur essendo difficoltoso per l’altezza della torre – 88 metri, la terza per altezza in Italia – è riuscito a scongiurato il peggio domando definitivamente le fiamme.

Ancora da accertare le cause del rogo, che è partito dal tavolato in legno del pavimento. Secondo quanto emerso dalle prime opere di bonifica, le fiamme potrebbero essere state provocate da uno o più candele ornamentali poste sui merli della stessa torre del Palazzo pubblico in occasione del Palio di ieri. A spiegarlo è lo stesso sindaco di Siena Bruno Valentini in un post su Facebook: “Sono in cima alla Torre del Mangia – scrive Valentini – Sembra che sia stata una o più ‘pignattelle’ (poste sui merli del Palazzo Pubblico e sulla Torre la notte del Palio) rovesciata dal vento ad appiccare le fiamme al tavolato di legno”.

“Grazie al pronto intervento di due vigili urbani in borghese e di un volontario della Croce Rossa è stato prima limitato il fuoco e poi spento con l’intervento professionale dei Vigili del Fuoco – continua il primo cittadino senese – Non ci sono parole per esprimere l’apprezzamento e la riconoscenza a tutti loro. Anche i funzionari comunali sono intervenuti prontamente , raccogliendo tutti gli estintori disponibili nel Palazzo. Non sembrano esserci danni alla struttura“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giulio Regeni, l’avvocato della famiglia: “Dall’Egitto solo bugie”. La fonte del NYT: “Nelle carte date all’Italia i responsabili”

prev
Articolo Successivo

Jesolo, pestato in discoteca: 24enne ricoverato in gravi condizioni. Fuggito l’aggressore

next