Un cartello che indica i bagni per “donne, uomini e gay“, con tanto di disegno colorato. L’immagine discriminatoria compare nella Tenuta Le Camporelle di Cavallino in Salento, provincia di Lecce, ed è stata segnalata da LeA – liberamente e apertamente, associazione per i diritti LGBT, come riportato dal Nuovo Quotidiano di Puglia. “A Cavallino spunta un indegno ed omofobo cartello dei bagni del locale – scrivono i responsabili di Lea – con annesse imbarazzanti icone”. La proprietaria del Bed and Breakfast però non ci sta a passare per omofoba e spiega al giornale pugliese: “La dicitura era vecchia ed era stata coperta ma qualcuno ha provveduto a scoprirla, rendendola nuovamente visibile”. Il cartello è stato rimosso.

Per l’associazione LeA “è allucinante che nel 2017 esistano ancora casi di questo tipo, dove si ricalca una grande confusione fra identità di genere e orientamento sessuale, e lo si fa sfoggiando delle comunicazioni in locali pubblici così fuorvianti e omofobe, che avviliscono e fanno molto male“. Chi gestisce Le Camporelle replica che il cartello era sopra le porte della precedente gestione, inoltre coperto e quindi non visibile. “Qualcuno si è divertito ad arrampicarsi fino a quell’altezza e sbirciare sotto la copertura, fotografando poi il cartello così com’era quindici anni fa – spiega la proprietaria a Repubblica – Probabilmente abbiamo fatto male a non toglierlo, ma ribadisco che fino a qualche giorno fa non è mai stato visibile”. La donna si dice dispiaciuta perché “spesso abbiamo ospitato coppie omosessuali, gli atteggiamenti discriminatori non ci appartengono. Qualcuno – ha aggiunto – ha voluto farci una brutta pubblicità“. “Si è alzato un polverone per niente”, dicono perciò i gestori, spiegando di non doversi scusare con nessuno. “Noi non eravamo in difetto. E comunque aver rimosso quel cartello vale più di mille scuse”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Laura Boldrini dice basta agli insulti sui social network: “Da oggi in poi tutelerò la mia persona e il ruolo che ricopro”

next
Articolo Successivo

Cannabis terapeutica, “legale dal 2007 ma pochi medici disposti a prescriverla. Io, malata di sclerosi, devo fare cose illegali per curarmi”

next