Un cartello che indica i bagni per “donne, uomini e gay“, con tanto di disegno colorato. L’immagine discriminatoria compare nella Tenuta Le Camporelle di Cavallino in Salento, provincia di Lecce, ed è stata segnalata da LeA – liberamente e apertamente, associazione per i diritti LGBT, come riportato dal Nuovo Quotidiano di Puglia. “A Cavallino spunta un indegno ed omofobo cartello dei bagni del locale – scrivono i responsabili di Lea – con annesse imbarazzanti icone”. La proprietaria del Bed and Breakfast però non ci sta a passare per omofoba e spiega al giornale pugliese: “La dicitura era vecchia ed era stata coperta ma qualcuno ha provveduto a scoprirla, rendendola nuovamente visibile”. Il cartello è stato rimosso.

Per l’associazione LeA “è allucinante che nel 2017 esistano ancora casi di questo tipo, dove si ricalca una grande confusione fra identità di genere e orientamento sessuale, e lo si fa sfoggiando delle comunicazioni in locali pubblici così fuorvianti e omofobe, che avviliscono e fanno molto male“. Chi gestisce Le Camporelle replica che il cartello era sopra le porte della precedente gestione, inoltre coperto e quindi non visibile. “Qualcuno si è divertito ad arrampicarsi fino a quell’altezza e sbirciare sotto la copertura, fotografando poi il cartello così com’era quindici anni fa – spiega la proprietaria a Repubblica – Probabilmente abbiamo fatto male a non toglierlo, ma ribadisco che fino a qualche giorno fa non è mai stato visibile”. La donna si dice dispiaciuta perché “spesso abbiamo ospitato coppie omosessuali, gli atteggiamenti discriminatori non ci appartengono. Qualcuno – ha aggiunto – ha voluto farci una brutta pubblicità“. “Si è alzato un polverone per niente”, dicono perciò i gestori, spiegando di non doversi scusare con nessuno. “Noi non eravamo in difetto. E comunque aver rimosso quel cartello vale più di mille scuse”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Laura Boldrini dice basta agli insulti sui social network: “Da oggi in poi tutelerò la mia persona e il ruolo che ricopro”

next
Articolo Successivo

Cannabis terapeutica, “legale dal 2007 ma pochi medici disposti a prescriverla. Io, malata di sclerosi, devo fare cose illegali per curarmi”

next