Niente divieto di cumulo e via libera all’utilizzo in agriturismi e farmer’s market. Sono le novità sull’utilizzo dei buoni pasto contenute nel regolamento del ministero dello Sviluppo pubblicato in Gazzetta ufficiale il 10 agosto per entrare in vigore il 9 settembre. Fino a oggi, formalmente era vietato il cumulo dei ticket sostitutivi della mensa aziendale per fare la spesa al supermercato: se ne poteva utilizzare solo uno alla volta (anche se di fatto la maggior parte degli esercizi commerciali non impone il rispetto del limite). Ora il governo ha ufficializzato la possibilità di impiegarne fino a otto in una volta per la spesa.

Sui buoni cartacei forniti dal datore di lavoro, che oggi riportano la scritta “non cumulabile”, verrà scritto da ora in poi che i ticket “non sono cedibili, né cumulabili oltre il limite di otto buoni, né commercializzabili o convertibili in denaro e sono utilizzabili solo dal titolare” per l’intero controvalore scritto sul biglietto senza quindi che il venditore sia tenuto a versare un resto. Inoltre si potranno usare non solo in ristoranti e bar ma anche in mercati e farmer’s market, in ittiturismi e agriturismi.  Quanto ai titolari, il regolamento sottolinea che i buoni sono destinati ai collaboratori come a chi ha un rapporto di lavoro subordinato, sia a tempo pieno che part time “anche qualora l’orario di lavoro non prevede una pausa per il pasto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rottamazione cartelle esattoriali, il 31 luglio è l’ultimo giorno per la prima rata agevolata: tutto quello che c’è da sapere

next
Articolo Successivo

Trenord, i pendolari vincono la class action: rimborso di 300mila euro per i disservizi del dicembre 2012

next