Il Garante della Privacy ha aperto un’istruttoria sull’hackeraggio di Rousseau del 3 agosto scorso. E’ la prima conseguenza concreta della violazione del sistema centrale del Movimento cinque stelle da parte dell’hacker Rogue0, dopo che martedì in una email, lo staff del Movimento ha invitato gli utenti a cambiare la password per votare sul sito www.beppegrillo.it. Al momento, dagli uffici dell’Autorità non filtra di più, se non che il Garante sta seguendo “da vicino” la vicenda.

Non è chiaro se l’istruttoria sia stata aperta su richiesta di un terzo o sia un’iniziativa autonoma. L’obiettivo dell’Autorità sembra essere quello di verificare se la custodia di dati sensibili – anche di personalità pubbliche come lo sono gli esponenti del M5s – da parte dei gestori di Rousseau sia adeguata o se le falle siano tali da violare la legge. L’apertura di un’istruttoria potrebbe preludere a ricorsi legali che gli iscritti dovrebbero avanzare nei prossimi giorni per la mancata custodia dei loro dati.

Quello del pirata informatico Rogue0 è il secondo attacco informatico in pochi giorni alla piattaforma Rousseau. Il primo risale alla serata di mercoledì 2 agosto, quando un hacker aveva reso nota la vulnerabilità della vecchia versione del programma utilizzato dal M5s. Mentre nel primo caso lo scopo della violazione era svelare una falla nel sistema, permettendo in tal modo alla Casaleggio Associati di sanarla, R0gue0 è riuscito ad accedere al database del sistema con lo scopo di estrapolare alcune informazioni degli utenti, quali dati personali, codice fiscale, nome, cognome, email, e il relativo importo della donazione effettuata nella piattaforma al Movimento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Saviano risponde a Salvini: “Se vinci le elezioni mi togli la scorta? Una delle tue tante bufale. Non decide il governo”

next
Articolo Successivo

Libia, ora la Guardia costiera di Tripoli riporta indietro anche i bambini. “Ma le leggi lo vietano, l’Italia non sia complice”

next