Il Monte dei Paschi è di Roma. Alla vigilia dell’approvazione di un bilancio semestrale che evidenzierà in rosso per circa 3 miliardi di euro, l’istituto senese ha ufficializzato la sua nuova composizione sociale, frutto della ricapitalizzazione precauzionale che ha evitato il crac. E così l’assegno da 3,85 miliardi di euro staccato dallo Stato nei giorni scorsi ha portato Roma a controllare la banca, con una quota del 53,5 per cento. Altri 4,5 miliardi sono arrivati dagli obbligazionisti subordinati coinvolti nella conversione dei loro titoli in azioni, il burden sharing, “che risultano integralmente sottoscritte”.

Il capitale di Siena adesso ammonta a 15,7 miliardi di euro, contro i 7,3 miliardi della vecchia Mps, ed è suddiviso in circa 1,14 miliardi di azioni: 593,8 milioni sono dello Stato, 517 milioni sono in mano ai titolari di bond convertiti, le restanti sono perlopiù azioni proprie del gruppo Montepaschi. La quota pubblica in Mps è comunque destinata a salire: il Tesoro ha messo a disposizione altri 1,5 miliardi di euro per acquistare quelle azioni, frutto della conversione dei bond, che i titolari vorranno scambiare con titoli più sicuri. A seconda del grado di adesione a questa opzione – i risparmiatori coinvolti sono un massimo di 40mila – la partecipazione dello Stato in Mps potrebbe salire fino al 70 per cento.

Quanto ai conti, la perdita da 3 miliardi di euro che il consiglio di amministrazione si appresta ad approvare è legata sopratutto al buco da 3,9 miliardi di euro provocato dalla cessione al 21% del pacchetto da 28,6 miliardi di sofferenze lorde, con il conseguente bagno di realtà sulle scritture contabili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pensioni, sindacati contro la Ragioneria: “Intervento inopportuno”. Ma Boeri: “Pericolosissimo rinviare aumento età”

next
Articolo Successivo

Atac, multa Antitrust da 3,6 milioni: “Corse delle ferrovie suburbane soppresse sistematicamente senza informare”

next