È morto il giudice Renato Squillante, coinvolto nell’inchiesta sulle sentenze Sme e Imi-Sir. Il magistrato, nato a Napoli, aveva 92 anni. La notizia è stata data con un necrologio sul quotidiano Messaggero dai suoi familiari. Sul giornale romano è comparso anche un messaggio di Stefania Craxi, figlia dell’ex presidente del consiglio Bettino.

Squillante venne condannato in primo grado a 8 anni per corruzione in atti giudiziari, poi ridotti a 7 in appello. La sentenza venne ribaltata dalla Cassazione nel 2006 che configurò il suo ruolo come “intermediazione tra privati”. La vicenda ruota attorno alla vendita all’imprenditore Rovelli e poi alla acquisizione da parte di Silvio Berlusconi di un comparto dell’ex Iri, a discapito del gruppo De Benedetti.

I giudici di primo grado avevano ricostruito che Squillante aveva convinto l’avvocato Francesco Berlinguer, conoscente di un giudice della Cassazione chiamato a pronunciarsi sulla cessione dell’ex Iri, ad attivarsi per intercedere sul magistrato. La causa, due anni più tardi, viene vinta dai Rovelli e vengono rintracciati pagamenti estero su estero a Cesare Previti e ad altri avvocati. Sul conto di Squillante arriva in contanti oltre mezzo miliardo di lire. Questi fatti portano alla sua condanna in primo e secondo grado.

Ma, secondo la Cassazione che lo assolse, il magistrato napoletano favorì effettivamente quegli incontri e ne ottenne un vantaggio economico, ma i fatti erano inquadrabili come un “tentativo di intermediazione tra privati” e non “collegata con l’attività funzionale da lui esplicata”. Qualcosa di “esecrabile”, concluse la Suprema corte, ma non corruzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tunisia, pescherecci italiani minacciati da una motovedetta: salvati da un elicottero della Marina Militare

prev
Articolo Successivo

Milano, salta il capo dei Vigili Barbato. Destinato ad altro incarico dopo il caso pedinamenti

next