Montecitorio ha dato il via libera definitivo alla conversione del provvedimento. Dopo 18 anni torna l’obbligo della somministrazione delle dosi per l’iscrizione a scuola. In Aula durante il dibattito la deputata Colonnese (M5S) ha esposto le ragioni della contrarietà del movimento: “Quando si parla di diritti, di salute, di bambini il governo non si deve mettere davanti al Parlamento facendo un decreto e imponendo la fiducia. Non può farlo a maggior ragione se il ministro della Salute è Beatrice Lorenzin, che in questi anni ha smontato la sanità e sui vaccini non ha mosso un dito. Poi si è svegliata all’ultimo momento e ha imposto l’obbligo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vitalizi, la legge Richetti non soddisfa gli italiani: per il 56% doveva essere diversa

next
Articolo Successivo

Vaccini, presidio free-vax mentre in Aula si vota l’ok al decreto: “Non ci fermerete”

next