Razer ha lanciato sul mercato due nuove cuffie da gaming che vanno a comporre il top della sua offerta audio: Tiamat 7.1 v2 e Tiamat 2.2 v2.

Le Tiamat 7.1 v2 sono delle cuffie surround analogiche dotate di 5 driver per padiglione (10 in totale) e puntano ad offrire all’utente un’esperienza immersiva a supporto dei giochi dove l’audio posizionale può rivelarsi fondamentale per anticipare un nemico o individuarne la posizione. Le cuffie sono dotate di un’unità di controllo, tramite cui è possibile gestire il volume sui singoli canali e passare facilmente tra audio surround e stereo, e di un microfono digitale unidirezionale. Per poter sfruttare l’audio surround il PC deve avere una scheda audio (anche integrata nella scheda madre) dotata di uscite surround analogiche.

Le Tiamat 2.2 v2, invece, sono delle cuffie stereo i cui padiglioni sono dotati di un secondo driver con funzionalità di subwoofer, puntando su una migliore resa dei bassi, e di un microfono digitale. Con gli appositi adattori possono essere usate sia su PC che su console e smartphone. Entrambe le cuffie sono già disponibili sul mercato con le Tiamat 7.1 v2 in vendita a 239,99 euro, mentre per le Tiamat 2.2 v2 il prezzo è di 139,99 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

The Sims 4 disponibile su Play Station 4 e Xbox One a partire dal 17 Novembre – FOTO

prev
Articolo Successivo

Intesa Sanpaolo E-Football Cup: parte il torneo di PES2017 organizzato da Personal Gamer

next