Verrà istituita una “cabina di regia”, operativa già da mercoledì, per evitare o comunque ridurre al minimo i disagi dei romani dovuti all’emergenza idrica, grazie ad alcuni “accorgimenti tecnici e amministrativi”. La decisione è stata presa al termine del vertice in Campidoglio al quale hanno partecipato i vertici di Acea, la sindaca Virginia Raggi e l’assessore alle Infrastrutture della Regione Lazio Fabio Refrigeri.

Allo studio – secondo quanto apprende ilfattoquotidiano.it – ci sarebbero almeno due ipotesi proposte da Acea, che ha chiesto una exit strategy per evitare il razionamento: attingere l’acqua da altri sorgenti (ovvero altri bacini del Lazio) aspettando che il lago di Bracciano risalga di livello oppure un “emendamento all’ordinanza regionale”, nella sostanza la possibilità di prelevare ancora da Bracciano ma molto meno di quanto fatto finora. Nel frattempo la multiutility controllata dal Comune di Roma ha presentato ricorso al tribunale delle Acque – notificato sia alla Regione che ai Comuni del lago – contro la decisione del governatore Nicola Zingaretti di fermare i prelievi da Bracciano, ai minimi storici a causa della siccità di questi mesi.

Proprio da quella decisione, presa venerdì sera, è iniziata la ‘battaglia dell’acqua’ per la Capitale che – in teoria – da venerdì rischia una turnazione per quartieri della fornitura che coinvolgerebbe circa 1,5 milioni di romani. Da una parte il presidente della Regione con i suoi perentori “il problema è grave” e “l’acqua del bacino sta finendo”, dall’altra Acea che ha bollato come “illegittimo” l’atto unilaterale di Zingaretti. Mentre già in 20 comuni laziali, l’acqua veniva razionata. 

Nel mezzo, la sindaca di Roma, che ha messo tutti davanti a un tavolo chiedendo di evitare disagi ai romani: “Il dialogo è costruttivo – ha detto all’uscita – Si lavora a soluzioni tecniche per evitare disagi” ai romani. “L’incontro è stato molto fruttuoso. Stiamo lavorando e stiamo cercando un percorso che sia impattante il meno possibile sui cittadini. Crediamo di potercela fare. Non ho sentito Zingaretti, auspicavo di vederlo questa sera. Pazienza”, sono state invece le parole del presidente di Acea Luca Lanzanone. Pensa positivo anche l’assessore Refrigeri: “Lavoriamo per eliminare i disagi, abbiamo fatto una cabina di regia. Credo che sia importante e che da qui a domani avremo anche possibilità migliori”.

Ha collaborato Vincenzo Bisbiglia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Johnny lo Zingaro catturato a Siena: era in fuga con la compagna dal 30 giugno

next
Articolo Successivo

Roma, l’Ater sull’orlo del fallimento: a rischio 460 dipendenti e la manutenzione di 50mila case popolari

next