Paint, il software di image-editing integrato in Windows ormai da oltre 32 anni, è stato protagonista negli ultimi giorni di un tam-tam mediatico in seguito all’annuncio di Microsoft della sua rimozione dalla prossima release di Windows 10, con orde di fan tristi per la sua departita.

La decisione dell’azienda di Seattle ha alla sua base l’integrazione a partire dalla Creators Update in Windows 10 di Paint 3D, un software dedicato all’editing di immagini 2D e 3D dotato di funzionalità più avanzate rispetto a Paint – di cui comunque integra gran parte delle funzionalità – su cui Microsoft concentrerà i propri sforzi futuri.

Tutto ciò però non segna la “morte” definitiva di Paint: tramite un post sul proprio blog la software house americana ha rassicurato i fan comunicando l’intenzione di rendere il popolare tool scaricabile gratuitamente mediante il Windows Store.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nokia 6: in vendita anche in Italia lo smartphone finlandese di fascia media

prev
Articolo Successivo

Dal talent con Favij al Red Bull Factions, passando per FIFA e Dorna: gli esports puntano a conquistare tutti

next