L’Isis è pronto a colpire l’Europa con un esercito di 173 kamikaze. L’Interpol ha diffuso una lista di 173 combattenti dello Stato islamico, che secondo Organizzazione internazionale della polizia criminale sono addestrati a compiere attentati suicidi nel continente europeo. Secondo quanto riporta il Guardian in esclusiva, l’agenzia ha elaborato l’elenco a partire da informazioni provenienti dall’intelligence statunitense, raccolte durante la campagna contro l’Isis in Siria e Iraq. La paura è che il collasso dell’autoproclamato ‘Califfato‘ possa aumentare il rischio di combattenti che si recano in Europa per compiere attacchi terroristici. Il Guardian, che ha visionato la lista, afferma che non ci sono indicazioni se i presunti combattenti siano entrati o meno in Europa. Tuttavia  il fatto che l’Interpol abbia diffuso l’elenco nel tentativo di raccogliere ulteriori informazioni dai vari Paesi, è indicativo della dimensione della minaccia.

La lista è stata inviata alla segreteria generale dell’Interpol il 27 maggio. Secondo l’Organizzazione gli individui “potrebbero essere stati addestrati a costruire e posizionare dispositivi esplosivi improvvisati per causare gravi ferite e decessi. Si ritiene che possano compiere viaggi internazionali, per partecipare ad attività terroristiche”. I dati, prosegue, sono stati raccolti “attraverso canali affidabili” e il materiale è stato consegnato all’Fbi, che lo ha trasmesso all’Interpol perché lo diffondesse a livello internazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Armi nucleari, un incubo che continua. Specialmente in Italia

next
Articolo Successivo

Polonia, passa la riforma della giustizia che annulla separazione poteri. Proteste in piazza, Ue: “Minaccia a stato di diritto”

next