Aumentano le assunzioni, ma calano i contratti stabili: solo 1 su 4 risulta a tempo indeterminato. Lo rileva l’Inps nell’osservatorio mensile sul precariato: “Nei primi 5 mesi del 2017, nel settore privato, si registra un saldo, tra assunzioni e cessazioni, pari a +729.000”, superiore a quello dei due anni precedenti (considerando il periodo gennaio-maggio), fa sapere l’Istituto nazionale della previdenza sociale. Il saldo annualizzato, la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi 12 mesi, risulta pari a +497.000. Un risultato che “cumula la crescita tendenziale dei contratti a tempo indeterminato (+21.000), dei contratti di apprendistato (+48.000) e, soprattutto, dei contratti a tempo determinato (+428.000)”.

Le assunzioni, nel settore privato, nei primi 5 mesi del 2017 “sono risultate 2.736.000, in aumento del 16%” su base annua, fa sapere ancora l’Inps, sottolineando che “il maggior contributo è dato dalle assunzioni a tempo determinato (+23,0%), mentre sono diminuite quelle a tempo indeterminato (-5,5%)”. Inoltre, sottolinea, “appare particolarmente significativa la crescita vigorosa dei contratti di lavoro a chiamata a tempo determinato” (+116,8%). Un boom che, spiega, può legato alla necessità di trovare “sostitutivi dei voucher“, cancellati a marzo. Tra gennaio e maggio del 2017 si è registrata “un’ulteriore riduzione dell’incidenza dei contratti a tempo indeterminato sul totale delle assunzioni (25,9%) rispetto ai picchi raggiunti nel 2015 quando era in vigore l’esonero contributivo triennale per i contratti a tempo indeterminato” e per lo stesso periodo si registrava un 40,7% di nuovi contratti a tempo indeterminato. Praticamente, quindi, solo un’assunzione su quattro risulta stabile.

Nel periodo che va da gennaio a maggio, inoltre, le trasformazioni di rapporti di lavoro, nel settore privato, da tempo determinato a tempo indeterminato (incluse le prosecuzioni a tempo indeterminato degli apprendisti) sono risultate 150.000, “con una lieve riduzione rispetto allo stesso periodo del 2016 (-1,8%)”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scuola Normale di Pisa: se scioperano gli spazzini, allora anche gli intellettuali hanno fallito

prev
Articolo Successivo

Lavoro stagionale, che ne sa Gramellini di cosa vuol dire fare la ‘sguattera’?

next