Calci e pugni per il posto migliore per la raccolta fondi. Sono volate anche le sedie, domenica, tra tre volontari delle ambulanze al cimitero monumentale di Staglieno di Genova. Sgomitando per occupare il luogo più favorevole per il loro banchetto due soccorritori di Milano e uno di Genova si sono azzuffati. I volontari dovevano raccogliere soldi per le rispettive pubbliche assistenze.

Gli agenti, intervenuti sul posto, hanno arrestato i militi di 21, 28 e 39 anni. I più giovani fanno parte della Pubblica assistenza di Santa Croce San Michele di Milano ed il terzo, il 39enne, appartiene alla genovese Valbisagno Soccorso.

I tre avrebbero riportato anche lievi ferite. Saranno processati per direttissima dai giudici del tribunale di Genova. La polizia ha avviato degli accertamenti per verificare se i soccorritori arrestati erano autorizzati a svolgere la raccolta fondi. Si dovrà fare chiarezza anche sul perché i due milanesi siano arrivati fino a Genova per l’attività di autofinanziamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaticano, le nomine di Papa Francesco che scontentano le gerarchie

next
Articolo Successivo

Palermo, dopo la statua distrutta in fiamme anche un manifesto di Giovanni Falcone. Orlando: “Mafia nervosa”

next