Noi in piazza, voi tutti a casa“. È uno degli slogan scanditi dai 10mila accorsi sabato pomeriggio al parco Miralfiore di Pesaro per la manifestazione “free-vax” contro gli obblighi vaccinali imposti dal decreto Lorenzin (il passaggio da 4 a 10 vaccinazioni obbligatorie). Il simbolo dell’evento è la maglietta arancione, indossata da quasi tutti i partecipanti. “Liberi di decidere se far vaccinare o meno i nostri figli” è, in sintesi, l’essenza della manifestazione: chi ha preso parte all’evento non ci sta a farsi definire “no-vax”, perché il punto non è essere favorevoli o contrari ma avere libertà (e sufficienti informazioni) per poter fare una scelta. Tanti genitori si sono presentati con i loro figli in braccio: contestando, al grido di “libertà, libertà”, il decreto del ministro della Salute sull’obbligo di vaccinare i bambini prima di iscriverli a scuola, una misura ora in discussione al Senato.

Sul palco anche il filosofo Diego Fusaro (”la questione dei vaccini è una questione di interessi economici, di multinazionali e pensiero unico”) il giornalista Gianluigi Paragone e anche il cantante Povia, che ha intonato la sua hit ‘Quando i bambini fanno oh’, rivisitando il testo per l’occasione. L’evento, organizzato dal Comitato Salute e Diritti di Pesaro, Colors Radio, Il Sentiero di Nicola, Auret, Comilva, Corvelva, Rav Hpv, Vaccinare Informati, Condav, ha visto gli interventi di alcuni genitori che sostengono di aver visto i propri figli “ammalarsi per colpa dei vaccini”. Fra questi Thomas Ghidotti del Sentiero di Nicola.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volterra, evade un detenuto in permesso premio. Ricerche in corso in tutta Italia

next
Articolo Successivo

Duomo di Acireale, bambino di un anno ferito gravemente dopo crollo di pezzo di intonaco

next