L’asse M5S-Lega? Credo che sia l’unica cosa meno probabile del pallone d’oro a Nardella o, se preferite, del premio Nobel alla letteratura a Gasparri”. Così il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, commenta l’ipotesi di alleanza tra 5 Stelle e Carroccio, nel corso di In Onda Estate (La7). Poi ironizza sul presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, ospite in studio: “Do un piccolo dispiacere a questo novello Churchill che sarebbe Giovanni Toti, perché lo avete introdotto come se fosse il nuovo leader confederatore del centrodestra. Il centrodestra ha raggiunto una buona vittoria alle amministrative, che, però, sono uno sport leggermente diverso dalle nazionali. Nei ballottaggi abbiamo visto che Renzi è così detestato che anche quelli che voterebbero a sinistra preferiscono votare un berlusconiano che non un renziano”. Scanzi menziona il caso di Arezzo, città dell’ex ministro Maria Elena Boschi, all’epoca all’apice del renzismo: ai ballottaggi del 2015 fu preferito un candidato di centrodestra a quello del Pd. Toti replica: “E’ un problema della sinistra, non nostro”. “E’ ovvio, voi passate alla cassa” – risponde il giornalista – “Mi permetto solo di correggerla sul fatto che si tratta del centrosinistra, non della sinistra: associare Renzi alla sinistra è un trip mentale che non riesco a fare stasera. Riguardo allo scenario nazionale, per il centrodestra gli scenari, secondo me, sono due: o vi confederate, riuscendo ad accorpare tutto e includendo anche la destra radicale e lepenista, oppure continuate con la strada che va avanti da anni e che non rivelate adesso. Cioè, il famoso Renzusconi”. E aggiunge: “ Io vedo un Paese tripartitico, cioè un centrosinistra, un centrodestra e un M5S. Nessuno di voi tre ce la fa con questa legge elettorale e con qualsiasi legge elettorale a correre da soli. Se, quindi, dovessi scommettere un euro, io punterei al famoso Renzusconi. Cioè, in pubblico fate finta di litigare, poi però vi vedete nelle segrete stanze e vi accordate per stare insieme, in nome di un imperativo: far fuori la sinistra radicale e il M5S

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stupro di gruppo su una 15enne, frase choc del sindaco di Pimonte: “Come lo vogliamo definire? Una bambinata”

prev
Articolo Successivo

Scanzi vs Toti (Fi): “Lei vinse contro la Paita. Con un’avversaria così anche Bugs Bunny avrebbe trionfato”

next