“Se passa il sì Maroni dovrà svelare il suo bluff”. Così Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e promotore dei comitati degli amministratori per il sì al Referendum sull’autonomia, sostenuto proprio dal presidente della Regione Roberto Maroni. “Noi vogliamo parlare dell’articolo 116 della Costituzione italiana. Riportare la discussione al dettato della Costituzione, mentre Maroni non ha nessun interesse sul tema specifico. Noi riteniamo che valga la pena di spiegare bene cosa significa quel sì e i sindaci hanno una autonomia politica per poterlo fare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘La Boccetta’ dobbiamo mandarla giù, fino all’ultima goccia

next
Articolo Successivo

Roma Multiservizi licenzia 700 persone. Sulla giunta Raggi la grana del cortocircuito comunicativo e 4000 dipendenti da salvare

next