“Se passa il sì Maroni dovrà svelare il suo bluff”. Così Giorgio Gori, sindaco di Bergamo e promotore dei comitati degli amministratori per il sì al Referendum sull’autonomia, sostenuto proprio dal presidente della Regione Roberto Maroni. “Noi vogliamo parlare dell’articolo 116 della Costituzione italiana. Riportare la discussione al dettato della Costituzione, mentre Maroni non ha nessun interesse sul tema specifico. Noi riteniamo che valga la pena di spiegare bene cosa significa quel sì e i sindaci hanno una autonomia politica per poterlo fare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

‘La Boccetta’ dobbiamo mandarla giù, fino all’ultima goccia

next
Articolo Successivo

Roma Multiservizi licenzia 700 persone. Sulla giunta Raggi la grana del cortocircuito comunicativo e 4000 dipendenti da salvare

next