“Addio, garante della libertà. Avevamo ancora bisogno di te”. È l’ultimo saluto a Stefano Rodotà, in una partecipata cerimonia laica oggi alla Facoltà di Giurispridenza all’Università La Sapienza di Roma. Giornalisti, rappresentanti di istituzioni – in prima fila Laura Boldrini, presidente della Camera, e Pietro Grasso, presidente del Senato – e docenti, studenti, personale dell’università hanno reso omaggio al giurista. Lunghi applausi e le note di Bella Ciao hanno accompagnato il passaggio del feretro. “Amava i suoi studenti”, dice il rettore della Sapienza, Eugenio Gaudio. “Era un maestro di vita per molti di noi”, aggiunge il costituzionalista Gaetano Azzariti.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ventimiglia, ruspe sull’accampamento dei migranti. Portati via vestiti e coperte per pulire le sponde del fiume

next
Articolo Successivo

Ventimiglia, caos migranti. 400 profughi lasciano il fiume Roja per dirigersi al confine con la Francia

next