“Addio, garante della libertà. Avevamo ancora bisogno di te”. È l’ultimo saluto a Stefano Rodotà, in una partecipata cerimonia laica oggi alla Facoltà di Giurispridenza all’Università La Sapienza di Roma. Giornalisti, rappresentanti di istituzioni – in prima fila Laura Boldrini, presidente della Camera, e Pietro Grasso, presidente del Senato – e docenti, studenti, personale dell’università hanno reso omaggio al giurista. Lunghi applausi e le note di Bella Ciao hanno accompagnato il passaggio del feretro. “Amava i suoi studenti”, dice il rettore della Sapienza, Eugenio Gaudio. “Era un maestro di vita per molti di noi”, aggiunge il costituzionalista Gaetano Azzariti.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ventimiglia, ruspe sull’accampamento dei migranti. Portati via vestiti e coperte per pulire le sponde del fiume

next
Articolo Successivo

Ventimiglia, caos migranti. 400 profughi lasciano il fiume Roja per dirigersi al confine con la Francia

next