Affluenza in calo per il secondo turno delle elezioni amministrative 2017. Il ministero dell’Interno ha reso noto il dato definitivo: si è recato alle urne il 46,02% degli aventi diritto. Al primo turno, la percentuale era stata del 58%. Il dato non tiene conto dei comuni del Friuli Venezia Giulia e della Sicilia – otto in tutto – gestiti direttamente dalle due Regioni e non dal Viminale.

Il calo ha coinvolto tutti i 22 capoluoghi chiamati alle urne, senza eccezioni. Nei tre capoluoghi di Regione l’affluenza è stata quasi analoga: 32,76% (47,10 al primo turno) a L’Aquila; 32,61% (35,07) a Genova; 30,52% (54,41) a Catanzaro. Le città dove si è votato di più – ma con percentuali sempre inferiori al primo turno – sono state Padova e Rieti, le uniche con percentuali sopra il 55 per cento. Fanalini di coda sono invece Taranto, appena sopra il 30% e Como (35,82%). Percentuali basse anche nei tre comuni della Toscana impegnati al ballottaggio: a Lucca, Pistoia e Carrara si è recato alle urne meno del 50% degli aventi diritto.

Discorso a parte per Trapani, dove ha votato meno il 26,65% degli aventi diritto e arriverà quindi il commissario. Nella città siciliana, infatti, si è votato in maniera atipica perché correva un solo candidato dopo l’esclusione di Mimmo Fazio, indagato per corruzione e traffico di influenze nell’inchiesta Mare monstrum: perché le elezioni fossero valide si sarebbe dovuto recare alle urne il 50% degli elettori e il traguardo è stato irraggiungibile per il candidato del Pd.

Ecco i dati relativi alle città più importanti:

Genova: 42,66%. Al primo turno era stata del 48,39%
Parma: 45,18%. Al primo turno era stata del 53,65%
Verona: 42,39%. Al primo turno era stata del 58,81%
Padova: 57,03%. Al primo turno era stata del 60,77%
L’Aquila: 52,06%. Al primo turno era stata del 67,77%
Catanzaro: 47,05,%. Al primo turno era stata del 72,44%
Taranto: 32,87%. Al primo turno era stata del 58,51%

Sono stati 4,3 milioni gli italiani chiamati nuovamente alle urne per il turno di ballottaggio nei comuni andati al voto l’11 giugno scorso e dove non è stato eletto il sindaco al primo turno. Il calo dell’affluenza era stato forte anche al primo turno: si è fermata al 60,07% alla chiusura dei seggi; nelle precedenti elezioni la percentuale dei votanti si era attestata al 66,85%. Lo scorso anno, il 6 giugno del 2016, alle comunali aveva votato il 62,14% degli aventi diritto. L’affluenza è stata bassa in particolare a Genova, dove meno della metà degli elettori aventi diritto è andata a votare: il 48,38%. Bassa l’affluenza anche a Como (49,12), a Parma (53,68) e a Monza (51,92). Buona al primo turno l’affluenza a Rieti (72,45) e a Catanzaro (72,50).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ballottaggi 2017, da Genova può ripartire la sinistra. Non rassegniamoci al peggio

prev
Articolo Successivo

Elezioni amministrative 2017, esulta il centrodestra: “Uniti si vince”. Rosato: “Perso”. E Orlando: “Cambiare linea”

next