Secondo il sito Daily Post, “Studies have shown that women love men who has big dick to stretch their pussy and a man who can also last longer in bed to be able to satisfy them. The main reason why women love large penises (especially those who have had lovers that are well endowed) has to do with the structure of the vagina. There are pleasure centers that are located deep into the vagina and around the walls of the vagina. A small or average penis is not capable of stimulating all these pleasure centers and these usually results in a woman not being fully satisfied. But a big penis is able to explore deep into a woman’s vagina give her that lovely feeling of both deep penetration and being completely ‘full'”.

Insomma, in poche parole e per chi non sapesse la lingua, la “consistenza” piace assai. A sentire le mie amiche, in effetti… E per chi non fosse dotato? Sex toys e qualche accessorio tra i più utili, pare.

Dunque per allungare Nostro Signore Puparuolo si può iniziare con lo stretching. I tutorial sono su YouTube, con un’accurata spiegazione: sposta a sinistra, impugna così, ora in alto, strizza in basso e potrai ricevere a casa il dvd con gli esercizi per chi è già nella categoria “Advanced”.

Veniamo alle pompette. A me fanno un po’ impressione e ne ho vista una che pare l’Apollo 13 con modulo lunare che si sgancia. E’ come mettere il pene dentro un tubo di vetro sottovuoto. Dicono che sia efficace ma consultate un andrologo.

Andiamo (centimetri) oltre e passiamo agli estensori. Sembrano piccoli oggetti di tortura, con asta, anelli, cordoni di sicurezza e alcuni possono essere indossati anche senza mutande. Assicurano un allungamento del totem di 2/3 cm al mese. A vedere tutta quell’armatura mi chiedo quando si utilizza:

1) al rientro dal lavoro?
2) quando si chatta con l’amica?
3) sul divano mentre si guarda la Champions League?
4) un attimo prima di coricarsi, mentre ci si lava i denti?
5) durante la preparazione dell’arrosto?

Inoltre, li acquistano solo uomini single? Li può prescrivere il medico? A pensarci bene potrebbe essere anche un gioco erotico “apparecchiare il pene” con la partner… Insomma, mi sembra di capire però che sia un lavorone tipo il Meccano.

Ah, attenzione! Se dovete fare un viaggio, rischiate che ai controlli di sicurezza vi fermino visto che alcuni estensori hanno elementi in acciaio e non sono totalmente di plastica. Se suona tutto, sai l’imbarazzo. Altro che “Magic Rabbit” nel bagaglio a mano delle signore. Quindi, nel caso, selezionate bene il vostro fornitore e ricordate eventualmente di smontare l’impalcatura prima di partire per Formentera.

Infine per allungare e ingrossare del 30% il nobile augello bastano guaine estensibili (in commercio ce ne sono di vari colori, forme e diametro) che si calzano come un profilattico e rimangono agganciati perfettamente durante l’amplesso.

A prescindere da tutto, ragazzi, non preoccupatevi delle misure ma controllatevi: giugno è il mese della prevenzione urologica nell’uomo (www.controllati.it ) e potete farvi visitare gratuitamente. Non da me, sia chiaro.

Potete seguirmi anche sul mio sito http://www.sensualcoach.it/

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sesso, troppo caldo per accoppiarsi? C’è l’amore astrale

next
Articolo Successivo

Solfuria, al primo appuntamento con uno sconosciuto. “Impacciata come una ragazzina”

next