Il 30 giugno scadono i termini per la concessione dello spazio di accoglienza a Tiburtina dove la Croce Rossa in questi anni ha accolto più di 1800 migranti. Un presidio umanitario prima che medico, ci spiega Giorgio de Acutis responsabile del presidio del “Frantoio” di Roma. “Mancano 10 giorni ma ancora non ci hanno fatto sapere nulla. In questi anni – ci spiega a margine di una iniziativa al Gianicolo per la giornata mondiale del Rifugiato – abbiamo assistito migliaia di persone, cui abbiamo dato assistenza e aiuto”. All’iniziativa erano presenti alcuni degli ospiti del centro come, Abdul: “Vengo dal Gambia e sono arrivato in Italia a bordo di una barca attraverso la Libia. Un viaggio che non scorderò mai. In Italia vorrei studiare e diventare mediatore culturale. Voglio aiutare la gente come me”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia, Strasburgo boccia la legge sulla propaganda gay. Il Cremlino: “Faremo ricorso”

next
Articolo Successivo

Migranti, Sami (Unhcr): “Situazione di Roma preoccupante. Famiglie e bambini per strada, rischio igienico-sanitario”

next