Quando lo speaker dello stadio ha chiamato ad un minuto di silenzio per le vittime dell’attentato di Londra, i giocatori della nazionale australiana si sono uniti al ricordo degli otto morti sul London Bridge e al Borough Market, due dei quali proprio australiani. I loro avversari dell’Arabia Saudita, invece, hanno fatto come se nulla fosse, ignorando la solennità del momento. “Non fa parte della nostra cultura”, è stata la spiegazione, che tuttavia non ha impedito la polemica. È successo ad Adelaide, prima del fischio d’inizio della partita di qualificazione dei Mondiali di calcio del 2018.

Impietoso il video dell’evento, che mostra i giocatori in maglia gialla della squadra di casa, allineati in piedi a centrocampo e abbracciati fra loro mentre osservano il silenzio insieme alle migliaia di tifosi in piedi sugli spalti. Dall’altra parte, invece i giocatori sauditi in maglia bianca, incuranti, che si scaldano in campo. Mentre i compagni di squadra in panchina restavano comodamente seduti. I sauditi erano a conoscenza del minuto di silenzio, su cui non avevano mosso obiezioni, anche se avevano preavvertito che non vi avrebbero partecipato perché “questa tradizione non è in linea con la nostra cultura” e che avrebbero rispettato il “costume” locale “prendendo posizione” nella loro parte di campo. Il loro rifiuto, tuttavia, ha comunque ha suscitato sdegno sui social media. “Sarebbe stato bello se i nostri avversari avessero mostrato un po’ di rispetto al centro del campo durante il minuto di silenzio, non era difficile”, è stato uno dei tweet di internauta australiano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scozia, Chiesa episcopale apre alle nozze gay: ‘Scusate per discriminazioni passate’

next
Articolo Successivo

Elezioni Gran Bretagna 2017, Tory in vantaggio ma Theresa May indebolita: la maggioranza assoluta è a rischio

next