“Il rischio che la stazione Tav di Afragola possa divenire una cattedrale nel deserto c’è sempre, ma è già un miracolo aver concluso un’opera”. Lo ha detto il presidente della Campania Vincenzo De Luca, a margine dell’inaugurazione, la quinta dal 2003, della prima fase dei lavori della stazione progettata. Taglio del nastro a cui hanno partecipato il premier Paolo Gentiloni e del ministro delle infrastrutture Graziano Delrio, ma che arriva con almeno sei anni ritardo: nel 2009 infatti era stata annunciata l’apertura (già slittata più volte) nel 2011. “Non so quali valutazioni abbia fatto il presidente della Corte dei Conti e non sono in grado di intervenire nel merito, la programmazione è stata fatta dalle ferrovie dello stato – così De luca replica alle dichiarazioni del procuratore che ha definito l’opera sovradimensionata e costosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bersani rischia di non presentarsi alle elezioni. “Obbligano Mdp a raccolta firme: metto il costume e trascino il notaio in spiaggia”

next
Articolo Successivo

Provincia Caserta, i dipendenti sono senza stipendio da 3 mesi. Gli uffici sporchi verso la chiusura dopo ispezione Asl

next