“Il rischio che la stazione Tav di Afragola possa divenire una cattedrale nel deserto c’è sempre, ma è già un miracolo aver concluso un’opera”. Lo ha detto il presidente della Campania Vincenzo De Luca, a margine dell’inaugurazione, la quinta dal 2003, della prima fase dei lavori della stazione progettata. Taglio del nastro a cui hanno partecipato il premier Paolo Gentiloni e del ministro delle infrastrutture Graziano Delrio, ma che arriva con almeno sei anni ritardo: nel 2009 infatti era stata annunciata l’apertura (già slittata più volte) nel 2011. “Non so quali valutazioni abbia fatto il presidente della Corte dei Conti e non sono in grado di intervenire nel merito, la programmazione è stata fatta dalle ferrovie dello stato – così De luca replica alle dichiarazioni del procuratore che ha definito l’opera sovradimensionata e costosa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bersani rischia di non presentarsi alle elezioni. “Obbligano Mdp a raccolta firme: metto il costume e trascino il notaio in spiaggia”

next
Articolo Successivo

Provincia Caserta, i dipendenti sono senza stipendio da 3 mesi. Gli uffici sporchi verso la chiusura dopo ispezione Asl

next