Cercasi ingegnere civile laureato a pieni voti, che parli tedesco e inglese, capace di interagire con i progettisti e i clienti e disponibile a lavorare all’estero. Compenso: 600 euro al mese più i ticket restaurant. È l’annuncio pubblicato dal Gruppo Dimensione di Grugliasco, in provincia di Torino. Un’azienda con un fatturato di 50 milioni l’anno specializzata in servizi ospedalieri. La foto dell’inserzione, postata in rete, ha scatenato un’ondata di proteste sui social network, ma la società si difende: “E’ uno stage d’ingresso di sei mesi, che può essere convertito poi in apprendistato”. Particolare che nell’annuncio non era specificato. Il gruppo, che collabora con istituzioni internazionali come il Cern, per quest’anno prevede 15 assunzioni.

Su Facebook il post è stato condiviso più di mille volte, con relativi commenti degli utenti irritati dalla mancanza di rispetto nei confronti un lavoro di responsabilità retribuito con “600 euro netti al mese e ticket restaurant per ogni giorno lavorato. Mauro Gatti, consigliere di amministrazione del gruppo, ha fatto sapere che “l’azienda ha 160 dipendenti, oltre il 90% ha un contratto a tempo indeterminato”. E ha aggiunto anche che le modalità dell’annuncio erano nel “pieno rispetto della normativa di legge nazionale e regionale”: quello che si offriva era infatti uno stage. Ma la parola “stage” non veniva mai menzionata.

Ora la pagina web della sezione “Lavora con noi” è stata aggiornata, ma le foto dell’annuncio su carta restano. Fra l’altro, sul sito web vengono forniti ulteriori dettagli circa le competenze richieste: “Background tecnico e predisposizione al lavoro di gruppo”, quindi una certa esperienza e la “capacità di interagire con autonomia nei confronti dei progettisti, dei capi-tecnici e di clienti e fornitori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ilva, sciopero contro gli esuberi previsti dagli acquirenti. Ministero: ‘Serve accordo sindacale per concludere vendita’

next
Articolo Successivo

Viadana, 271 facchini licenziati dalla coop che lavora per l’azienda fornitrice di Ikea

next