La nuova legge elettorale? E’ un mega-porcellum. Noi del M5S faremo degli emendamenti, ma sinceramente io non mi sarei messa nemmeno lì seduta“. E’ il severo giudizio pronunciato ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) dalla senatrice del M5S, Paola Taverna. “Stanno facendo tutti i magheggi sulla legge elettorale” – spiega – “Abbiamo chiesto il sistema tedesco, perché ci permetteva di andare a votare con un filo di dignità, ora lo stanno ristravolgendo. La situazione è molto confusa e ancora non sappiamo come stanno disegnando i collegi. E’ molto confusa, frammentaria e approssimativa tutta l’azione che stanno portando avanti”. E rincara: “Non va, non so neanche dire che bisogna andare a votare subito, perché così gli leviamo la patata bollente della legge di stabilità, che è qualcosa della quale si devono prendere la responsabilità. La voglia di voler anticipare le elezioni da parte di Renzi è una scusa per togliersi questa patata bollente. Ormai sta buttando tutto in caciara, la grande fretta che non ha mai avuto dal 4 dicembre a oggi si è scatenata tutta in questo mese e mezzo perché i nodi arrivano al pettine. La situazione non è carina, stanno facendo azioni dissennate”. Poi aggiunge: “La Lorenzin sta proponendo un decreto che ancora non abbiamo potuto leggere, nonostante se ne parli da 15 giorni. Un decreto che dovrebbe essere urgente, quello sui dodici vaccini obbligatori. Abbiamo chiesto in tutti i modi di poter leggere questo testo” – continua – “perché io personalmente ai dodici vaccini obbligatori non sono favorevole. Agli italiani non viene spiegato nulla. Non puoi introdurmi delle manovre di questo tipo senza spiegarmi quello che sta accadendo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Codice antimafia, manca il parere della commissione Bilancio: al Senato ennesimo stop alla riforma

next
Articolo Successivo

Roma, passa il regolamento ambulanti della discordia. Tutti contro M5s: “Salva Tredicine”. “No faremo pulizia”

next