Scontro rovente a Otto e Mezzo (La7) tra il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, e il politologo Roberto D’Alimonte, uno dei padri dell’Italicum. “In realtà, sono lo zio” –puntualizza D’Alimonte – “io rivendico ancora quella legge elettorale. E’ stata bocciata dalla Consulta? Non m’importa nulla. Ho già scritto che, secondo la nostra Corte Costituzionale, gli elettori francesi hanno eletto un presidente incostituzionale, perché Macron è stato eletto presidente della Francia col 24% dei voti”. Travaglio scuote la testa e replica: “Non c’entra niente. I francesi hanno eletto il presidente, l’Italicum invece serviva a eleggere uno dei due rami del Parlamento. E i francesi non hanno ancora eletto il Parlamento. Voteranno per quest’ultimo tra due settimane, non certamente con un ballottaggio nazionale tra due partiti, come invece in quella legge elettorale, che per fortuna abbiamo consegnato agli archivi della storia come un mostro incostituzionale. I francesi voteranno collegio per collegio”. “Si legga la sentenza”, ribatte reiteratamente D’Alimonte. “Poi dire che la Francia ha eletto un presidente incostituzionale è una scemenza assoluta” – continua il direttore del Fatto – “La Francia ha una sua Costituzione, che prevede quel tipo di elezione presidenziale. Noi ne abbiamo un’altra e dobbiamo fare le leggi in base alla nostra Costituzione. Cosa c’entra con noi la Costituzione francese? Lei avrebbe dovuto scrivere una legge conforme alla Costituzione italiana e invece ne ha scritta una difforme. Affermava che era una legge perfettamente costituzionale. Aveva torto, io avevo ragione. Ma, d’altra parte, bastava leggere la Costituzione per rendersi conto che stavate facendo un abominio”. E aggiunge: “Adesso avete messo il Paese nella difficoltà di dover inseguire una legge elettorale proprio nell’imminenza delle elezioni, cioè nel periodo peggiore”. All’ennesimo monito di D’Alimonte, che lo invita a leggere la sentenza della Consulta, Travaglio replica: “La sentenza della Corte dice che lei ha scritto una boiata

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Luca e Paolo e l’addio di Totti: “Ha confessato che adesso ha paura del futuro. La stessa cosa che Di Maio dice del congiuntivo”

prev
Articolo Successivo

Dalimonte, padre Italicum: “Travaglio? Col No al referendum ha portato in auge Berlusconi”. La replica: “Scemenza ciclopica”

next