Aveva ottenuto di mantenere per tutto l’anno i collegamenti in aliscafo da Palermo e Messina per Filicudi, previsti normalmente, invece, soltanto fino al 15 settembre. È anche per questo motivo che il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, è finito indagato per concorso in corruzione nell’inchiesta Mare Nostrum, che dieci giorni fa ha portato  all’arresto dell’armatore Ettore Morace e del’ex sindaco di Trapani – ricandidato alle prossime elezioni – e deputato regionale siciliano Girolamo Fazio. La decisione di Crocetta di prorogare i collegamenti dal capoluogo siciliano a Filicudi viene definita come un semplice “capriccio” dall’assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Pistorio. Secondo lo stesso assessore, Crocetta era interessato a recarsi a Filicudi per motivi privati di natura sessuale.

Il collegamento – come scrive il Giornale di Sicilia – sarebbe stato giudicato inutile pure dall’armatore Morace, amministratore della Liberty Lines. La proroga, osteggiata anche dagli uffici della Regione, fu di cinque giorni e consentì al governatore di fare una vacanza a Filicudi dal 16 al 18 settembre. Un soggiorno monitorata dai carabinieri che per due mesi indagarono sul governatore e il suo staff.

“Mi viene il dubbio – scherzava in un’intercettazione il sindaco di Lipari, Marco Giorgianni, al telefono con Morace – che si sia innamorato più di Pippo (un operatore turistico, ndr) che di Filicudi”. Morace, divertito, rispondeva: “Confermo”. E il sindaco: “Voi ridete, io andrei a buttarmi dal balcone. A Filucudi e Alicudi ci sono due alberghi che chiudono lunedì. Come fate questa corsa, con gli alberghi chiusi?”. Secondo il legale del governatore, Vincenzo Lo Re, Crocetta non avrebbe commesso alcun reato: “Non sono per nulla dimostrati interessi personali legati alle chiacchiere da gossip tra persone intercettate”. Nell’inchiesta è indagata per concorso in corruzione anche la senatrice di Ap, Simona Vicari:  è accusata di aver agevolato Morace in cambio di un Rolex. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, la Raggi sarà testimone al processo Marra. E sul caso nomine: “Dimissioni se rinvio a giudizio? Direi di no”

next
Articolo Successivo

Legge Severino, Berlusconi e governo accettano giudizio unico e senza appello a Strasburgo

next